5 giugno 2020
Aggiornato 15:30
Staminali

Come scegliere la banca per conservare il cordone ombelicale

La scelta della banca a cui affidare la conservazione del cordone ombelicale e delle cellule staminali può essere difficile se non si hanno le giuste informazioni. Ecco una guida per una scelta consapevole

Operare la scelta giusta non è sempre facile, specie se si parla di conservazione del cordone ombelicale e delle cellule staminali. Di fronte a questa decisione, due futuri genitori possono essere dubbiosi e indecisi. La scelta è importante e irripetibile, dal momento che le cellule staminali cordonali possono essere raccolte unicamente al momento della nascita.

Tante banche, ma quale scegliere?
Oggi le banche che si occupano di conservare il cordone sono numerose, ma non tutte offrono il servizio con lo stesso standard qualitativo: ecco perché è fondamentale scegliere con cognizione di causa. Ma quali sono i parametri da valutare per scegliere serenamente la banca a cui affidare il cordone ombelicale? Oltre al numero totale di campioni conservati, bisogna considerare il numero di trapianti eseguiti con campioni conservati dalla biobanca: un parametro di primaria importanza per valutare la reale capacità ed esperienza di una biobanca nel conservare il sangue cordonale in modo corretto. Poi è opportuno che una biobanca possieda certificazioni di qualità di rilievo, tra cui la più importante è la GMP (Good Manufacturing Practice). Riconosciuta a livello internazionale, la GMP obbliga al rispetto di stringenti procedure operative per massimizzare la qualità dei prodotti a uso clinico. Dal punto di vista scientifico è altresì fondamentale che una biobanca sia altamente competente e che abbia al suo interno un Comitato Scientifico qualificato, che abbia all’attivo numerose pubblicazioni scientifiche valutate per qualità.

Essere tutelati
Altro parametro importante per la scelta è verificare che la biobanca metta a disposizione delle famiglie misure specifiche per tutelarle dal punto di vista patrimoniale e legale. E’ preferibile pertanto che il contratto proposto sia di diritto italiano e che rispetti il nostro sistema fiscale e le normative Europee di riferimento. Utile è anche definire le coperture assicurative necessarie a garantire la conservazione del cordone ombelicale nel caso di insolvenza da parte della biobanca. In Italia oggi solo Sorgente offre questo tipo di assicurazione e garantisce la crioconservazione per 50 anni.

       - Scopri anche: Cos’è e come funziona la raccolta e conservazione delle cellule staminali cordonali.

E per finire…
Per finire, gli ultimi elementi da considerare nella scelta della biobanca a cui rivolgersi sono: un servizio ininterrotto tutti i giorni dell’anno, un’assistenza domiciliare per le questioni burocratiche e la garanzia di diritto di recesso. E’ dunque consigliato un servizio il più completo e affidabile possibile, per soddisfare le esigenze e le aspettative dei futuri genitori. Per ulteriori informazioni: www.sorgente.com.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal