19 ottobre 2019
Aggiornato 13:30
Andrea Penna, il medico che cura anche l’anima

Ritrovare salute e serenità attraverso la consapevolezza del proprio karma

Il segreto della serenità e dell’armonia con se stessi e la propria anima è spesso a portata di mano, ma facciamo difficoltà a riconoscerlo. Il medico Andrea Penna ha scritto e pubblicato un libro in cui spiega cosa sono e come liberarsi di certi propri comportamenti che non si sanno spiegare, ma di cui non si riesce a fare a meno

ROMA – Andrea Penna, un medico controtendenza, di quelli di cui la società odierna avrebbe davvero bisogno. La medicina tende a suddividere per settori il corpo, poi lo fa con le sostanze che assimila, fino ad arrivare all’infinitesimale. Così facendo, però, si perde di vista l’obiettivo principale: il complesso anima/corpo, il cui conflitto ritiene essere alla base di molte malattie. Le sue interessantissime teorie sono state esposte in «Ti permetto di far parte di me», edito da Uno Editori.

SIAMO TUTTI UNITI – «In lak'ech, hala kem» è un antico detto Maya che potrebbe sintetizzare il significato più profondo del libro di Penna. Tale affermazione, infatti, significa letteralmente «Tu sei un altro me e io sono un altro te». Pochi sono gli scienziati che amano mettere in discussione le teorie apprese all’università; invece Andrea Penna lo ha fatto coniugando le conoscenze classiche con quelle alternative, intuitive. Basandosi in parte sull’epigenetica (lo studio delle modifiche a carico del Dna), ritiene che ciò che viene trasmesso di generazione in generazione non sia solo mera sequenza di nucleotidi o basi azotate, bensì la capacità di trasmettere alla progenie le esperienze vissute.

LA POSTA GENETICA – In sostanza noi abbiamo la possibilità di «consegnare» ai nostri successori le nostre emozioni, i nostri sentimenti, le nostre esperienze. Quando viene al mondo una nuova vita, tutto ciò che siamo stati viene (tra)scritto dentro di essa. Alla stregua della teoria dei frattali, Andrea Penna, mette nuovamente in luce il ruolo base dell’intero Universo: passare il tempo a replicare se stesso. Durante tali repliche, le memorie dei nostri avi vengono impresse a livello viscerale.

MECCANISMI AUTOMATICI – A quanti di noi accade di non capire perché perpetuiamo un comportamento, quasi come se il nostro corpo avesse dei meccanismi automatici che a noi neppure piacciono così tanto. Si tratta forse delle memorie genetiche dei nostri avi? Forse è per questo che ciò che odiamo di più dei nostri antenati noi lo facciamo allo stesso modo? Questi ricordi e comportamenti viscerali e irrazionali hanno un importante ruolo: portare avanti ciò che è stato interrotto. Per usare le parole di Penna «Noi nasciamo con un’azione da compiere per aiutare il Gruppo [i membri della famiglia, NdA] da cui deriviamo in modo da chiudere con il passato». Tutto ciò racchiude, secondo il medico, il concetto di Karma o destino.

IL SOGNO CHE CANCELLA I CONFLITTI – Andrea Penna, nel suo libro, insegna a rivivere importanti eventi della propria vita attraverso un sogno guidato e ad affrontarlo come se si avesse un’ulteriore possibilità. In questo modo ciò che viene registrato dentro noi – e di conseguenza impresso alla nostra progenie – è differente. Le malattie, possono essere il risultato di eventi non accettati e questo metodo è fondamentale per aiutare se stessi e l’intera famiglia. Non dimentichiamo che noi siamo «campo energetico emotivo che si manifesta per mezzo di un corpo».