20 marzo 2019
Aggiornato 04:30
Gli esperti: attenzione al rischio di complicazioni

Chirurgia plastica estiva: boom di operazioni ai glutei

Durante l’estate aumento delle richieste di interventi di gluteoplastica, e la moda contagia anche i VIP

MILANO - Il trend estetico dell’estate 2011? Il rimodellamento dei glutei. Complici i confronti sulla spiaggia e gli esiti non sempre felici della prova costume, sempre più donne si rivolgono al chirurgo plastico per scolpire il proprio corpo, e in particolare il «lato B».

Un’operazione, la gluteoplastica, molto diffusa in Brasile ma che sta riscuotendo un crescente successo anche in Europa. Secondo quanto riportato da Der Tagesspiegel, le operazioni ai glutei sono in forte crescita. Un recente sondaggio Eurisko, effettuato in diversi paesi e presentato in occasione dell’annuale congresso del SIME, la Società italiana di medicina estetica, conferma che il rifacimento dei glutei è al secondo posto (29%), dopo i denti storti (34%) come più importante inestetismo da cambiare.

«Esistono varie tipologie di intervento – spiega Egidio Riggio, specialista in chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica e microchirurgia presso l’Istituto Nazionale Tumori di Milano -. Ad esempio si possono rimodellare i glutei nei casi di eccesso di grasso e cellulite con la liposcultura. Attraverso questo intervento il chirurgo può esprimere al meglio tutto il suo talento estetico eliminando il grasso dove è abbondante e trasferendolo nelle zone piatte per sollevare.
Invece per i glutei piatti si usano le protesi al silicone, mentre in caso di fondoschiena cadente e rilassato, si può intervenire con la torsoplastica e il lifting».

«Non sono però operazioni semplici – avverte Riggio -, da cui si possa tornare indietro senza lasciare segni permanenti e cicatrici. Pertanto bisogna prestare attenzione alle complicanze, come infezioni, asimmetria dei glutei o addirittura rottura delle protesi. Al chirurgo spetta di selezionare attentamente le persone fortemente motivate. Per chi ha paura esiste l’alternativa: riempire i glutei con l’acido ialuronico riassorbibile. Iniezioni, eseguite pur sempre in ambiente asettico e sotto anestesia locale, al posto del bisturi. I risultati sono buoni in mani esperte. Gli svantaggi? costi elevati proporzionali al volume ricercato ed alla necessità di ripeterlo periodicamente negli anni a venire».

Anche i vip non sono immuni al fascino della gluteoplastica. Stando al britannico The Sun, l’attrice americana Kim Kardashian esibisce un prosperoso e sospetto fondo schiena, anche se lei nega fortemente di esserselo rifatta per renderlo ancora più formoso.(The Sun (GB), 14/06/2011). La cantante Katy Perry, invece, non soddisfatta del proprio corpo, in occasione di un tour in India sembra si sia sottoposta a un trattamento che consiste in iniezioni di un mix di vitamine, antibiotici, steroidi e botox, con l’obiettivo proprio di aumentare il volume dei propri glutei. (Vida y estilo (Co), 20/06/2011).