13 novembre 2019
Aggiornato 02:30
Decisione dell'authority

Gb, via libera agli spot tv sui preservativi in prima serata

Per ridurre l'alta percentuale di gravidanze tra ragazze minorenni

LONDRA - Dopo decenni di proibizionismo, l'authority che regola la pubblicità in Gran Bretagna ha annunciato che ci saranno regole meno stringenti sugli spot sui preservativi in prima serata.
Una modifica nel codice di regolamentazione consentirà di reclamizzare i contraccettivi prima delle 21, l'orario di maggior ascolto televisivo, un'iniziativa che si inserisce nelle iniziative per ridurre l'alta percentuale di gravidanze tra le ragazze minorenni. Quella che si annuncia come la principale riforma delle norme che regolamentano la pubblicità consentirà di promuovere in tv per la prima volta le scommesse, medicinali aromatici e giornali e film pornografici, questi ultimi solo su canali per adulti protetti da codice pin.
Le modifiche sono il risultato della revisione dell'industria pubblicitaria su quattrocento articoli legislativi, che lo scorso maggio hanno prodotto una serie di proposte. La più controversa è un piano - rivelato dall'Independent - per consentire la pubblicità ai servizi per l'aborto, che da allora è stato però rinviato.