22 marzo 2019
Aggiornato 05:00
Decreto sicurezza

Bongiorno: «La legittima difesa non si tocca»

Il Ministro della Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno, in una intervista a Il Messaggero fa il punto sulla ripresa del governo giallo-verde: «Otterrà il via libera in tempi brevi»

Il Ministro Giulia Bongiorno
Il Ministro Giulia Bongiorno ANSA

ROMA - «La legittima difesa non si tocca». Il ministro della Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno in una intervista a Il Messaggero fa il punto sulla ripresa del governo giallo-verde: «La legittima difesa otterrà il via libera in tempi brevi, M5S rispetterà il contratto».

La legge si farà in tempi brevi

«Questa legge si farà e si farà in tempi brevi. Non vedo assolutamente il problema delle divisioni nei 5Stelle, e tra 5Stelle e Lega. Su quel testo, che afferma che tra l'aggressore e l'aggredito va difeso quest'ultimo, c' è intesa. Se c' è qualcuno che non la pensa così, va contro la logica e il buon senso. Io da avvocato ho difeso un gran numero di persone aggredite in casa. Anche quando poi sono state assolte, hanno avuto la vita segnata dal calvario di processi lunghissimi».

La norma è nel contratto di Governo

Bongiorno spiega che la legge verrà approvata prima delle europee. «Assolutamente sì. Il ministro Bonafede la condivide in pieno e abbiamo lavorato tutti insieme fin dall'inizio. Questa legge è nel Contratto di governo ed è in linea con le norme di altri Paesi europei che fanno leva sull' importanza che deve avere lo stato di ansia e di paura per scriminare. L'Italia era rimasta assai indietro su questo tema».