16 dicembre 2019
Aggiornato 03:30
'Un pensiero a tutti i giornalisti ancora detenuti'

Del Grande libero: sono vittima di violenza istituzionale, non fisica

Ecco quali sono state le prime parole del giornalista Gabriele Del Grande, rientrato in Italia dopo due settimane di detenzione in Turchia. Detenzione che il documentarista definisce illegale

BOLOGNA - «Nessuno mai mi ha mancato di rispetto, mi ha mostrato violenza, è una violenza istituzionale di cui sono stato vittima, considero illegale quello che mi è successo». Sono le prime parole del giornalista Gabriele Del Grande rientrato in Italia dopo essere stato trattenuto per quasi due settimane in Turchia, senza un'accusa precisa. «Mando un pensiero caro a tutti i detenuti in generale e a tutti i giornalisti che sono ancora in carcere in condizioni molto peggiori della mia, il mio caso è un caso risolto ma non ci dimentichiamo degli altri», ha aggiunto, rispondendo a chi gli chiedeva cosa farà ora: «Adesso vado a mangiare dopo 7 giorni di sciopero della fame devo recuperare».