21 aprile 2024
Aggiornato 21:00
Torino

Autobus a fuoco, la Giunta dice basta: «Costituiremo task force per la manutenzione»

L'assessore Lapietra promette: «Più risorse anche al settore manutentivo, ma nel 2018 incidenti inferiori rispetto al 2017»

Autobus a fuoco, la Giunta dice basta: «Costituiremo task force per la manutenzione»
Autobus a fuoco, la Giunta dice basta: «Costituiremo task force per la manutenzione» Foto: ANSA

TORINO - Gli autobus a fuoco arrivano in Sala Rossa. I tre autobus andati in fiamme nelle ultime settimane sono diventati un problema «bollente» da gestire per l'assessore ai Trasporti, Maria Lapietra. Imbeccata dal capogruppo del Pd, Stefano Lorusso, l'assessore ha spiegato come vi sia la volontà di costituire una task force dedicata al collaudo dei veicoli e alla loro manutenzione.

Task force per la manutenzione

Insomma, la soluzione pare essere questa, interna. Le risorse sono limitate, ma vista la criticità della situazione, la reazione deve essere immediata: «Vista la situazione attuale, è necessario procedere a un piano di azioni urgenti. In primo luogo saranno potenziate le risorse del settore manutentivo con la costituzione di una task force formata da quattro risorse Gtt del collaudo veicoli; otto risorse interne Gtt per eseguire la manutenzioni; otto risorse di officina autorizzata esterna; quattro risorse comandate dal 1° febbraio 2019 da altre aree con competenza da elettrauto; dieci risorse da altre aree aziendali non di core business; reperimento di personale interno, attingendo da tutti i settori aziendali; verifica di assunzioni di almeno cinque tecnici manutentivi». Questo il piano studiato per porre rimedio, nell'immediato, agli autobus in fiamme.

Parla Lapietra

L'assessore si è definito preoccupato ma ha ricordato che nel 2018 gli incidenti sono stati inferiori rispetto all’anno precedente. Guardando un po' più in là, è chiaro come l'amministrazione stia attendendo disperatamente l'arrivo dei nuovi bus: quest'ultimi però sono «in ritardo», la gara è andata deserta e potrebbero non vedersi per le strade torinesi per un bel po'. Nell'immediato sono previsti, ha spiegato l’assessore, interventi straordinari nel settore manutentivo con «un tagliando su tutti gli ottocento bus del parco, entro giugno 2019; il controllo visivo dei cablaggi su tutti i 260 bus di recente acquisizione entro 45 giorni e, a seguire, su tutto il parco circolante entro i settanta giorni successivi; la sostituzione dei cablaggi sui 230 bus di più recente acquisizione». Sono previsti anche una serie di provvedimenti integrativi, ha aggiunto Lapietra: «Il conferimento di un incarico a un esperto esterno in tema di manutenzione e a un secondo esperto del Politecnico di Torino, sui mezzi di più recente acquisizione; la nomina di un ristretto gruppo tecnico formato da operai, capi-tecnici e rappresentanti del settore tecnico; la nomina di una Commissione interna di indagine per la verifica delle cause e delle responsabilità sui singoli episodi (degli incendi), senza escludere alcuna ipotesi».