18 novembre 2018
Aggiornato 04:30

«Stanno violentando mia figlia anche da morta»: scoppia la rabbia della mamma di Desirée

Lo sfogo in un'intervista al settimanale Grazia: «Hanno scritto che era una drogata, che io fossi tossicodipendente. Chiedo rispetto»
La madre di Desiree, Barbara Marittoni, ai funerali della 16enne. Cisterna di Latina, 30 ottobre 2018
La madre di Desiree, Barbara Marittoni, ai funerali della 16enne. Cisterna di Latina, 30 ottobre 2018 (Massimo Percossi | ANSA)

ROMA - «Hanno scritto che la mia Desirée non era altro che una drogata, come se questo fosse un buon motivo per morire a quel modo e a 16 anni. Hanno lasciato intendere, suggerito, insinuato che io fossi, in realtà, una tossicodipendente, che non seguissi mia figlia e che l'avessi abbandonata. Non lo sono. Non è vero e lo trovo ignobile. Quei balordi hanno violato mia figlia, ma la stampa, i social e le tv stanno violando adesso anche me e la mia famiglia». A parlare per la prima volta in esclusiva al settimanale Grazia, diretto da Silvia Grilli, nel numero in edicola domani, è Barbara Mariottini, madre di Desirée, la ragazza di Cisterna di Latina violentata e uccisa a Roma tra la notte del 18 e la mattina del 19 ottobre.

Il racconto della madre
«Avevo 19 anni quando Desirée è nata. Oggi ne ho 35 e ho avuto la fortuna di avere un'altra figlia che Desirée proteggeva, così come io ho cercato di proteggere lei senza, purtroppo, riuscirci» racconta la madre. «Non abbiamo trascurato l'inquietudine di Desirée. Sapevamo di avere un problema. Siamo stati noi stessi a rivolgerci ai servizi sociali. Abbiamo chiesto aiuto a chi doveva darci una mano, ma evidentemente non è servito. Io stessa, molte volte, l'ho accompagnata a Roma, ma certo mai in quei luoghi, mai a san Lorenzo. Mia figlia non ha mai frequentato quella sporcizia». E sulle amicizie della ragazza, precisa: «Non erano certi quei balordi imbottiti di droghe, pasticche. Non erano quelle canaglie che hanno fatto strazio del corpo di mia figlia. Non erano quei teppisti, non erano loro».

Il rapporto col padre e la rabbia
Del rapporto col padre, di cui si conoscono i precedenti penali, aggiunge: «Quei precedenti penali sono stati il pretesto per mostrificarci. Si prova sempre a fare i genitori. Si dice che sia un esercizio. Anche noi, come tutti, abbiamo tentato. Io e il padre di Desirée ci siamo allontanati come può accadere a qualsiasi coppia e io ho avuto assegnata la patria potestà. Ma loro due avevano un rapporto bellissimo. Era la mia artista e, invece, hanno scritto che fosse una matta. La sua era bizzarria, ma non malattia. Per ridurre tutto si dice: 'Se l'è cercata'. Come se la colpa fosse sua. Me la vogliono trattare come una drogata. Hanno abusato di mia figlia da viva, stanno continuando a farlo anche ora che è morta».