16 novembre 2018
Aggiornato 17:00

«Desirée è stata uccisa quattro volte»: Giorgia Meloni accusa la sinistra

La leader di Fratelli d'Italia in un intervento su Libero lancia dure accuse a quelli che indica come responsabili della morte della giovane ragazza romana
Polizia scientifica dove è stato ritrovato il corpo di Desiree, Roma, 26 ottobre 2018
Polizia scientifica dove è stato ritrovato il corpo di Desiree, Roma, 26 ottobre 2018 (Massimo Percossi | ANSA)

ROMA - «La piccola Desirée è stata stuprata e uccisa. Sarà la magistratura, grazie al lavoro degli investigatori e delle forze di polizia, ad individuare tutti i colpevoli e si spera a dare loro una pena esemplare. Esiste tuttavia un altro livello di responsabilità, quello di chi ha contribuito a creare i presupposti di questa tragedia». È quanto scrive il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, su Libero. «Desirèe» prosegue Giorgia Meloni «è stata uccisa una volta da un branco di vermi spacciatori e quattro volte dal lassismo della sinistra: da chi promuove la droga; da chi difende l'illegalità delle 'zone franche', come quello stabile di San Lorenzo a Roma, con centri sociali e Anpi che scendono in piazza, non contro gli spacciatori ma contro la presenza dello Stato; da chi ha favorito per anni l'immigrazione incontrollata in Italia».

Chi sono i responsabili
L'illegalità come «resistenza democratica, in nome dell'immigrazione di massa, sostenuta dal sindaco di Riace e da tutte le anime belle della sinistra». Per dirla con le parole del «guru» Saviano «'centomila immigrati (clandestini) non sono un problema, ma un dono'. E dal loquace Saviano, aspettiamo ancora una parola su Desirée e su Pamela, anche lei drogata, violentata e uccisa da pusher africani, per spiegarci meglio questo dono». Desirée «è stata uccisa da chi nega le evidenze statistiche che mettono in relazione l'immigrazione illegale di massa con l'aumento di un certo tipo di reati in Italia, la violenza sessuale su tutte come dimostrano i dati allarmanti del Viminale».

L'attacco al Movimento 5 stelle
Per Giorgia Meloni «stiamo combattendo una autentica guerra per salvare i nostri giovani» e «sfido tutta la sinistra, compreso il M5S, a dire chiaramente da che parte intende schierarsi. Se sono per la liberalizzazione droghe o con chi, come Fratelli d'Italia, sostiene che non esistono droghe leggere e pesanti; se sono con chi difende le zone franche dello spaccio e del degrado care ai dai centri sociali, o dalla parte della legge e dello Stato; se considerano positiva l'immigrazione di massa, o sono per un controllo serio delle frontiere; se continuando a negare il nesso diretto tra immigrazione incontrollata e l'aumento degli stupri o con Fratelli d'Italia che ha il coraggio di dire che va bloccata l'immigrazione proveniente da quelle nazioni che creano maggiori problemi di sicurezza e di allarme sociale».