23 ottobre 2018
Aggiornato 12:00

Sorpreso a rubare, afferra un coltello e si scaglia contro i carabinieri

I fatti ad Avellino. In manette un pregiudicato di 53 anni: si tratta di un uomo di orgini algerine senza fissa dimora
Foto di repertorio
Foto di repertorio (ANSA/CARABINIERI)

AVELLINO - Furto aggravato, violazione di domicilio nonché resistenza e minaccia a pubblico ufficiale. Sono queste le accuse che hanno portato all'arresto di un pregiudicato 53enne. L'indagine, condotta dai carabinieri della stazione di Avella, ad Avellino, prende spunto dalla denuncia di un furto, perpetrato nella nottata di ieri, di un telefono cellulare, sigaretta elettronica, occhiali da sole e documenti vari, il tutto custodito all'interno di un'autovettura parcheggiata in strada. 

L'aggressione
L'uomo, di origini algerine e senza fissa dimora che, rintracciato, insieme ai militari si è recato in un casolare di campagna abusivamente occupato dal 53enne. Giunti sul luogo, l'uomo ha dapprima minacciato verbalmente i militari, e poi li ha aggrediti con un coltello a serramanico. I carabinieri, dopo averlo immobilizzato, hanno recuperato la refurtiva. 

L'arresto
Il 53enne è stato dichiarato in stato d'arresto alla Procura della Repubblica di Avellino e, dopo le formalità di rito, trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia di Baiano, in attesa di comparire nella mattinata odierna dinnanzi al Tribunale per essere giudicato con la formula del rito direttissimo.