18 dicembre 2018
Aggiornato 19:00

Il prefetto risponde picche al sindaco

«Esprimo perplessità sulla sussistenza delle condizioni per un intervento sostitutivo. Vista la delicatezza della questione, ho rivolto un quesito al ministero dell’Interno»

Il prefetto risponde picche al sindaco
Il prefetto risponde picche al sindaco (Facebook, Città di Vercelli)

VERCELLI - Il prefetto di Vercelli, Michele Tortora, ha risposto alla lettera del sindaco, Maura Forte, che chiedeva un intervento delle istituzioni, per «favorire» la surroga dei quattro consiglieri uscenti con un commissario «ad acta» nel caso che il consiglio comunale finisca per la terza volta senza che si riesca a sostituire i dimissionari. «Pur concordando sulla illegittimità del rifiuto di procedere alla surroga dei consiglieri in mancanza di situazioni di ineleggibilità o incandidabilità dei subentranti - ha scritto il prefetto -, esprimo perplessità sulla sussistenza delle condizioni per un intervento sostitutivo». Secondo Tortora non c'è «una norma specifica che legittimi l’intervento governativo in sostituzione del Consiglio nel caso di specie. Tuttavia - conclude - vista la delicatezza della questione, ho rivolto un quesito al ministero dell’Interno». 

Domani il consiglio comunale
Domani alle 13 sarà convocata l'assemblea cittadina in cui la sindaca tenterà per la terza volta di rimpiazzare  Maria Pia Massa, Giordano Tosi, Donatella Capra e Giorgio Comella con Massimo Bignardi, Carlo Truffa, Francesca Tini Brunozzi e Walter Manzin.