19 settembre 2018
Aggiornato 09:30

Ancora una dimissione in Consiglio, questa sera Forte si gioca la sopravvivenza

Anche Donatella Capra, del Gruppo misto, ha lasciato. Per convocare l'assemblea comunale è necessaria la presenza di almeno 14 persone
Il sindaco di Vercelli, Maura Forte
Il sindaco di Vercelli, Maura Forte (Facebook, Città di Vercelli)

VERCELLI - Anche la  consigliere Donatella Capra, del Gruppo misto, ha rassegnato le dimissioni dal Consiglio comunale di Vercelli, mettendo ancora più a rischio la tenuta della giunta guidata da Marta Forte. Capra ha ufficilizzato l'addio lo scorso sabato 10 marzo con una lettera dove ha scritto: «Le motivazioni della decisione, maturata dopo lunga e sofferta riflessione, sono riconducibili alla mancata condivisione ed alla incolmabile distanza tra il lavoro della giunta e quello dei consiglieri comunali, sovente informati delle decisioni politiche adottate dall’amministrazione dagli organi di informazione. Le motivazioni relative ai singoli problemi, inerenti la gestione della città sono state più volte da me esposte nelle sedute consiliari».  

Consigilio verso la decadenza
A questo punto il futuro della sindaca, che aveva perso il numero legale la settimana scorsa con le dimissioni di Giordano Tosi, potrebbe già essere deciso questa sera quando sarà convocato il Consiglio comunale per la surroga  dei consiglieri dimissionari. Come ha scritto La Stampa di Vercelli la minoranza non ha intenzione di appoggiare la giunta Forte, «i numeri per aprire il Consiglio se li devono garantire loro», hanno detto ripetutamente Vercelli Amica, Forza Italia, Lega, Cinque Stelle e SiAmo Vercelli. La prima cittadina quindi non sarebbe nemmeno in grado diapprovare il Bilancio di previsione e quindi il Consiglio dovrebbe decadere a un anno della sua scadenza, dopo la defezione di ben 11 assessori.