15 dicembre 2019
Aggiornato 08:00
Enti locali

Maltempo, Liguria: Toti fa il punto della situazione

Fiumi Vara, Magra ed Entella in rapido innalzamento. Rischio mareggiate lungo tutta la costa, temperature basse e fenomeno del gelicidio

GENOVA - «Abbiamo un quadro molto complicato con un'allerta molto importante che, con vari livelli, interessa tutta la Liguria e ci vedrà coinvolti ancora nella prossima notte e fino a domani. In particolare nel levante avremo nelle prossime ore e nella notte il picco più importante dal punto di vista idrologico. Sono infatti previste ulteriori piogge su un terreno già saturo per le precipitazioni iniziate ieri e anche per quelle di venerdì scorso». Lo ha detto l'assessore alla Protezione Civile della Regione Liguria, Giacomo Giampedrone, facendo il punto sull'allerta meteo in Liguria.

I corsi d'acqua
«Per quanto riguarda i corsi d'acqua -ha spiegato Giampedrone- finora la risposta è stata buona ma i dati sulle precipitazioni sono significativi, con 186 mm di cumulata dalla mezzanotte nel Comune di Rezzoaglio e 121 mm nel Comune di San Colombano Certenoli. Queste piogge -ha sottolineato l'assessore ligure- si aggiungono a quelle cadute ieri e venerdì scorso». «I corsi d'acqua -ha aggiunto Giampedrone- sono ancora sotto controllo ma il perdurare di queste precipitazioni può mettere a rischio quei territori con il raggiungimento dei livelli di guardia in poco tempo. Bisogna infatti considerare che i bacini grandi e medi hanno tempi di risposta anche di 6-8 ore dopo il termine delle precipitazioni. Basti pensare -ha dichiarato l'assessore ligure- che solo il Vara è cresciuto di 3 metri dall'inizio delle precipitazioni ad ora». Oltre al Vara, sono sotto costante osservazione i fiumi Magra ed Entella, che nelle ultime ore hanno registrato un rapido innalzamento dei livelli idrici. «C'è un rischio forte di mareggiate -ha poi proseguito Giampedrone- lungo tutta la costa della Liguria, con venti molto forti e rafficati. Per questo -ha ricordato- è importante mantenere comportamenti molto prudenti, evitando di avvicinarsi al litorale o ai fiumi. L'altra criticità -ha concluso l'assessore ligure- è determinata dalle basse temperature e dal fenomeno del gelicidio».