26 ottobre 2020
Aggiornato 02:30
Eventi

Genova, gli eventi di martedì 17 ottobre

Cinema e arte, teatro e letteratura, vini, territorio e cultura. Un inizio settimana in cui la parola chiave è intreccio. Ecco tutto quello che c'è da sapere sugli eventi da non perdere in città

GENOVA – Il connubio film e arte, il teatro che strizza l'occhio alla letteratura ed ancora momenti di creatività. La parola d'ordine per questa serata di inizio di settimana è intreccio. Ecco i nostri consigli per scoprire perchè.

Loving Vincent
Dopo il successo di «Van Gogh Alive - The Experience» (la mostra multimediale più visitata al mondo), arriva finalmente al cinema una nuova esperienza visiva: un appuntamento nato dal connubio tra arte e tecnologia che segnerà una nuova frontiera per la Grande Arte al Cinema, offrendoci l’opportunità di conoscere in modo nuovo uno degli artisti più amati di sempre. Definito come un martire, un satiro lussurioso, un folle, un genio e un fannullone, e spesso anche travisato e oscurato dal mito e dal tempo, il vero Vincent viene improvvisamente svelato dalle sue lettere. Ispirandosi al suo ultimo scritto, quello in cui annotava: «Non possiamo che parlare con i nostri dipinti», «Loving Vicent» ha scelto di partire dalle parole dell’artista, lasciando che fossero proprio i dipinti a raccontare la storia e l’opera del pittore olandese esposto nei più importanti musei del mondo, da Amsterdam a New York, da Londra a Mosca, da Parigi a Dallas. Scritto e diretto da Dorota Kobiela & Hugh Welchman, «Loving Vicent» è infatti il primo lungometraggio interamente dipinto su tela. Realizzato elaborando i quadri dipinti del pittore, il film, che sarà nelle sale fino al 18 ottobre, è composto da migliaia di immagini create nello stile di Vincent van Gogh realizzate da un team di 125 artisti che hanno lavorato anni per arrivare a un risultato originale e di enorme impatto. Un lungometraggio poetico e seducente che mescola arte, tecnologia e pittura e si è aggiudicato il premio del Pubblico all’ultimo Festival d’Annecy. A Genova nei cinema Corallo, The Space e Uci Fiumara (alla Fiumara alle 18 e 20).

Umberto Eco a Teatro
Il fascino e il mistero di uno dei più importanti romanzi del Novecento italiano risuonano per la prima volta sulle assi di un palcoscenico. Il nome della rosa, l’opera che ha reso ancor più celebre un maestro del pensiero quale fu Umberto Eco, diventa finalmente teatro. Grazie all’adattamento di Stefano Massini, drammaturgo tra i più apprezzati in Europa, e con l’attenta regia di Leo Muscato, la nota vicenda di Guglielmo da Baskerville e del fido Adso – sorta di Sherlock Holmes e Watson in pieno Medioevo – si muta in un lavoro corale, a cui si potrà assistere dal 17 al 29 ottobre al Teatro della Corte. Opera complessa, che racchiude diverse e sovrapposte chiavi di lettura, Il nome della rosa travalica l’accurata e minuziosa ricostruzione storica per diventare metafora, gioco di specchi, racconto scenico che non esclude l’ironia grazie ai ritmi e alle aguzze architetture del giallo. Nell’edizione teatrale concepita da Massini, la regia di Muscato è libera di allestire un affresco arioso e coinvolgente, scandito in quadri quasi brechtiani, dando corpo a un racconto che si dipana attraverso sette giorni in cui ogni giorno è a sua volta suddiviso in otto capitoli che segnano la ritualità della vita in convento. Per informazioni: www.teatrostabilegenova.it.

Vini e dintorni
Continuano anche a ottobre gli incontri del Mercato del Carmine legati al mondo della cultura, della musica e della gastronomia. Martedì 17 ottobre alle 19, secondo appuntamento del filone «Aspettando Vinitaly», questa volta sulla zona del Levante ligure. La degustazione prevede cinque abbinamenti diversi con cinque tipologie di bianchi del Levante in abbinamento a sfiziosissimi finger food studiati ad hoc con i singoli vini. Il percorso guidato e raccontato da un Sommelier dell'A.I.S partirà con la spiegazione e il relativo assaggio di una tipica Bianchetta Genovese dell'Azienda Agricola Bruzzone, a seguire un Bianco delle Colline di Levanto, un Cinque Terre Doc della Cantina Sassarini, un Vermentino di Portolano e per concludere un Moscato DOC dell'azienda agricola Pino Gino. L'evento è a numero chiuso pertanto è necessaria la prenotazione. Per info e prenotazioni: 010 2469184.

Per i più piccoli
Radice Comune (Via di S. Bernardo 34R) organizza, il laboratorio per bambini «Lo zoo di argilla». Attraverso la manipolazione della terra creeremo simpatici animaletti. L'atmosfera sarà quella della jungla ed ogni bambino potrà realizzare il proprio animale attraverso dei prototipi. Età: +5 anni. Costo: 10 €. Informazioni e prenotazioni: info@radicecomune.it. I laboratori sono riservati ai soci dell’Associazione. Costo tessera 5 €.
 

Cinema

All'Approdo Arcigay Genova (Via al Molo Giano - Casa XXV Aprile), questa settimana ritorna il «cinema in Approdo» con un bellissimo film inglese del 2016, «Handsome Devil». Due promettenti adolescenti devono affrontare il difficile percorso che porta alla maturità (e al coming out), aiutati da un illuminato professore ma boicottati da un omofobo allenatore. Il titolo è un omaggio al gruppo inglese «The Smiths». Per informazioni: www.cinemagay.it. L'evento è aperto a tutti.