24 settembre 2018
Aggiornato 23:00

Furti nell'aeroporto di Venezia, denunciato il dipendente di un'impresa di handling

Accadeva ai danni dei passeggeri costretti a consegnare il bagaglio a mano che, per mancanza di spazio negli aeromobili, doveva essere messo in stiva. L'uomo riusciva a separare alcune valige e trolley dal circuito, asportando alcuni oggetti di valore, rimettendole poi nel flusso
L'uomo frugava tra i bagagli a mano dei passeggeri
L'uomo frugava tra i bagagli a mano dei passeggeri (ANSA)

 VENEZIA - Era un dipendente 45enne di una società che si occupa dell'handling al 'Marco Polo' di Venezia il responsabile di alcuni furti che sarebbero avvenuti nello scalo aeroportuale veneto. In particolare, ciò accadeva ai danni dei passeggeri costretti a consegnare il bagaglio a mano che, per mancanza di spazio negli aeromobili, doveva essere messo in stiva. Come riporta l'Ansa, dopo la denuncia di un passeggero padovano, e avvalendosi delle immagini della videosorveglianza del 'Marco Polo', i Carabinieri e la Polizia di frontiera sono riusciti ad individuare il 45enne, residente a Marcon, dipendente della società di handling 'Gh Venezia' spa, responsabile di una squadra di operatori addetti al carico e scarico bagagli. L'uomo, secondo gli accertamenti delle forze dell'ordine, riusciva a separare alcune valige e trolley dal circuito, asportando alcuni oggetti di valore, rimettendole poi nel flusso.