27 maggio 2020
Aggiornato 18:00
Lega Nord

Salvini a Otto e mezzo attacca il M5s: nessun segnale di cambiamento, Roma e Torino città ferme

Il leader della Lega Nord, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7, ha attaccato il Movimento 5 stelle, non perché vuole intercettare il loro voto, ma «perché spesso quando vado a Roma la gente mi dice di rimpiangere Marino»

ROMA - Il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7, ha attaccato il Movimento 5 stelle, non perché vuole intercettare il loro voto, ma «perché spesso quando vado a Roma la gente mi dice di rimpiangere Marino». Il numero uno del Carroccio ha proseguito dicendo di rimproverare ai pentastellati che governano sia nella Capitale che a Torino «al di là delle indagini, della corruzione e degli arresti» è che sono città immobili: «Sono sporche, caotiche, gli autobus arrivano in ritardo. Mi aspettavo in sei mesi qualche segnalino. In sei mesi non fai la rivoluzione ma qualcosa sì».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal