25 settembre 2020
Aggiornato 19:00
Due arresti

Ostia, in fuga con l'auto rubata

Ad Ostia il conducente di un'auto rubata elude il controllo della Polizia avviando un rocambolesco inseguimento, terminato con l'arresto di due persone, entrambe con precedenti, accusate di resistenza, violenza e minacce a Pubblico Ufficiale

ROMA - Sembrava la scena di un film: un'auto non si ferma all'alt della Polizia e inizia un inseguimento a tutta velocità. E' successo nel pomeriggio di giovedì ad Ostia, dove, su Corso Duca di Genova, una pattuglia del Commissariato Lido si è lanciata nell'inseguimento di un'utilitaria con due persone a bordo. 

La fuga e l'inseguimento
Gli agenti, notando che l'auto stava avanzando a velocità sostenuta, compiendo sorpassi azzardati, hanno deciso di alzare la paletta. In tutta risposta il conducente dell'utilitaria ha pensato bene di eludere il controllo della Polizia, iniziando una fuga. Nell'immediato gli agenti hanno appurato che si trattava di una vettura rubata ed hanno chiesto aiuto ad una seconda pattuglia. 

L'arresto e le accuse
La corsa è terminata in via della Paranzella. I poliziotti hanno potuto fermare le due persone che viaggiavano a bordo dell'auto, un giovane 20enne e una 28enne, entrambi romani, entrambi con alle spalle numerosi precedenti, oltre ad un mandato di cattura. Non contenti, i due fermati hanno anche aggredito gli agenti, oltre a danneggiare una delle due pattuglie della Polizia. L'accusa è quella di resistenza, violenza e minacce a Pubblico Ufficiale, a cui si aggiunge il danneggiamento aggravato ai beni dello Stato.