18 gennaio 2020
Aggiornato 23:00
il capo della banda fugge in taxi

Roma, altri sei furti nelle tabaccherie di Monteverde e Monte Mario

I Carabinieri della stazione Monteverde stanno indagando sui responsabili

La stazione dei Carabinieri, Roma.
La stazione dei Carabinieri, Roma. Shutterstock

ROMA - Gli inquirenti della Procura di Roma ed i carabinieri della stazione di Monteverde stanno indagando su almeno altri sei furti compiuti in tabaccherie della Capitale da una banda composta da due albanesi, due kosovari ed un egiziano.

Si sono costituiti 2 dei 5 ricercati
Dopo la pubblicazione delle foto dei kosovari Kadri Berisha, capo della banda già agli arresti domiciliari per altri fatti al momento della cattura, ed Arban Emini, altri tabaccai hanno riconosciuto i banditi e presentato denuncia. I nuovi episodi sono ora al vaglio del pm Paolo Auriemma. Intanto si sono costituiti due dei cinque destinatari nei confronti dei quali era stata emessa l'ordinanza di custodia cautelare per associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti: si tratta degli albanesi Afrim Oka e Seladin Sylisufaj.

La banda operava a Monteverde e Monte Mario
Dei cinque componenti della banda rimane ancora latitante l'egiziano Hani Elsayed Elhendi Elarabi. La banda operava tra i quartieri di Monteverde e Monte Mario. Arrivavano nei pressi delle tabaccherie anche a bordo di taxi (specie Berisha che in questo modo si faceva beffe dei possibili controlli da parte delle forze dell'ordine).

Un bottino da almeno 200mila euro
Dopo il taglio della serranda si forzava la porta d'ingresso e si prendeva la cassa. Le indagini si sono basate sulle analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza delle tabaccherie, dei tabulati telefonici e su riconoscimenti fotografici. Finora sono stati accertati rapine per circa 200 mila euro.