30 settembre 2020
Aggiornato 20:30
Ricoverato al Vannini in coma

Quadraro: pestato a sangue, 37enne in fin di vita

Per un rimprovero per una manovra azzardata, un 37enne è stato picchiato violentemente da un 25enne

ROMA – E' in coma al Vannini il 37enne bangladese pestato a sangue al Quadraro. È successo nella notte tra sabato e domenica, in via del Levii. Un 25enne italiano si è avventato addosso al bangladese picchiandolo violentemente. Alla base dello scontro ci sarebbero futili motivi. Il 25enne è stato arrestato dalle forze dell'ordine e dovrà ora rispondere di tentato omicidio.

Il fatto
Erano circa le due di notte di domenica 13 marzo, quando in via dei Levii, si è consumato il dramma. Il 37enne avrebbe rimproverato il giovane per una manovra azzardata, questi, particolarmente infastidito per il richiamo, sarebbe sceso dalla sua Mercedes e avrebbe iniziato a prendere a calci e pugni il bangladese. Secondo quanto ricostruito dagli agenti del commissariato Tuscolano, il 25enne stava per investire il 37enne.

Condizioni disperate
Calci, pugni e insulti: il giovane italiano avrebbe così lasciato in fin di vita il bangladese in una pozza di sangue. Ad allertare le forze dell'ordine e i soccorsi è stato un cittadino, testimone oculare dell'episodio. L'uomo è stato trasportato d'urgenza presso l'ospedale Vannini dove ora lotta tra la vita e la morte. Il 25enne è stato invece rintracciato e ora dovrà rispondere di tentato omicidio.