13 novembre 2019
Aggiornato 23:00
Luca Varani ucciso durante un festino a Roma

Omicidio Roma, pm: c'è premeditazione

Per la Procura di Roma il reato contestato a Manuel Foffo e Marco Prato è quello di omicidio premeditato aggravato dalla crudeltà

L'accusa è di omicidio premeditato aggravato dalla crudeltà
L'accusa è di omicidio premeditato aggravato dalla crudeltà Shutterstock

ROMA - La Procura di Roma contesta ai due trentenni che hanno seviziato e ucciso Luca Varani Manuel Foffo e Marco Prato il reato di omicidio premeditato aggravato dalla crudeltà. Il pm Francesco Scavo ha inviato al gip Riccardo Amoruso la richiesta della convalida dell'arresto. Nella confessione che Manuel Foffo ha fatto agli inquirenti è emerso che i due si sarebbero accaniti sul corpo di Luca, facendo in modo che non morisse subito, ma torturandolo. Volevano vedere «che effetto fa» uccidere una persona e così hanno chiamato un amico 23enne - conosciuto da poco - e lo hanno seviziato, fino a finirlo a martellate e coltellate nel corso di un festino a base di droga e alcool. Così è morto Luca Varani, per mano di Manuel Foffo e Marco Prato, 29 e 30 anni. 

Un dolore immenso
Un «dolore immenso e indescrivibile» perché «non si può fare una fine così»: Marta, la fidanzata di Luca Varani, il 23enne massacrato da due conoscenti dopo un festino a Roma, ha lasciato su Facebook un post per ricordare il ragazzo con cui era legata da anni, dal 2007. Lui si era tatuato anche il nome di lei, la sua «mogliettina», per averla sempre con sé, e i loro profili Fb sono densi di messaggi d'amore.

L'amore di Luca e Marta
Ora gli ultimi post dopo la tragedia parlano di dolore, ma anche, ancora, di amore: «Grazie veramente a tutti, per i pensieri, per le parole... Gente mai vista o conosciuta che mi dedica parole di conforto. E poi Grazie agli amici di sempre, mi sono arrivati tantissimi messaggi e chiamate», scrive Marta sul suo profilo, confidando: «Il dolore è praticamente immenso e indescrivibile, nonostante tutto non si può fare una fine così». E «vorrei che tutti ricordassero Luca per quel ragazzo dolce e sensibile e non per quello 'debole' e a volte troppo presuntuoso. Non mi interessa delle dicerie, non mi interessa di niente. Lo amo e lo amerò per sempre, ma non il Luca che era con tutti, il Luca che era con me... Anzi, il mio mascottino». In un altro post, commentando anche le notizie sui giornali scrive con amarezza: «Il nostro amore lo conoscerà il mondo intero... Mai avrei immaginato in questo modo». «Sei stato troppo buono e ingenuo con le persone sbagliate», continua Marta, che poi invia un altro messaggio di amore: «Più belli delle stelle esistono solo gli occhi tuoi».