15 ottobre 2019
Aggiornato 23:00
Controlli anche a Chieti e Ferrara

Bangla tour a Roma: razzismo contro bengalesi, perquisizioni in sede Forza Nuova

L'indagine era partita nel 2013 e ha portato a 13 indagati, tra Roma, Chieti e Ferrara, accusati di associazione finalizzata all'incitamento alla discriminazione razziale

ROMA – 13 persone indagate per «associazione all'incitamento alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali, istigazione alla discriminazione e alla commissione di atti di violenza per motivi razziali, minaccia, lesioni, detenzione di armi da sparo e altri reati». Questo il risultato dei controlli perpetrati dai Carabinieri del Ros di Roma nelle sedi di Forza Nuova tra Roma, Chieti e Ferrara.

Un gruppo di estrema destra
L'attività di investigazione dei Carabinieri era stata avviata nel 2013, come si legge in una nota, «su delega dell'Autorità Giudiziaria, dopo alcuni episodi avvenuti a Roma, ai danni di soggetti bengalesi. Dalle indagini è emersa l'esistenza di un gruppo criminale gravitante nell'ambito dell'estrema destra romana che: per la risoluzione delle controversie, faceva sistematico ricorso alla violenza e alle aggressioni nei confronti dei militanti di opposta o concorrente fazione politica».

L'indottrinamento
Come si spiega ancora nella nota, il gruppo «attuava un rigoroso e talvolta violento indottrinamento dei suoi appartenenti, anche minorenni, al fine di assicurare il rispetto delle regole interne al gruppo e consolidarne le gerarchie. Con riferimento a tale aspetto, l'indagine ha documentato, nell'ottobre del 2014, la punizione, con vessazioni e percosse inflitte secondo un particolare rituale, di alcuni militanti resisi responsabili di una violenza sessuale in danno di una ragazza e dell'uso di sostanze stupefacenti».

Discriminazione razziale sul web
Secondo quanto riportato dalla nota, il gruppo si serviva del web per diffondere «messaggi, proclami e iniziative volte ad incitare alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali; eseguiva raid punitivi nei confronti di cittadini bengalesi. In tale ambito, nel maggio 2012, a Roma, due soggetti gravitanti nella medesima area politica, venivano tratti in arresto per rapina in danno di un cittadino bengalese».