22 febbraio 2020
Aggiornato 18:00
pendolari esasperati

Regione Lazio, viaggi infernali sulla ferrovia Roma-Nord

Secondo Daniele Sabatini (NCD) "Zingaretti è troppo preso a tagliare nastri e non se ne accorge"

ROMA - La ferrovia Roma-Nord è un incubo per i pendolari della Regione Lazio. Treni guasti, corse saltate, niente aria condizionata d'estate. Sembra un girono dell'inferno, ma è realtà per molti concittadini. 

Una delle peggiori linee del Lazio
«Mentre Zingaretti si fa bello tra treni jazz e Vivalto, la ferrovia Roma-Nord conquista la medaglia d'argento come una delle linee peggiori del Lazio conquistando il secondo posto del Trofeo Caronte 2015 assegnato da Legambiente. Il report Pendolaria 2015 mette in luce il pessimo stato del servizio fornito dalla linea ferroviaria: viaggi infernali, treni lenti, orari ballerini, assenza di parcheggi nelle stazioni e, come rileva il rapporto, a peggiorare la situazione anche l'interruzione della tratta Viterbo-Civita Castellana, scelta davvero geniale per complicare ancora di più la vita del pendolari da e per la Tuscia». Parole di Daniele Sabatini, capogruppo Ncd della Regione Lazio.

Dov'è Zingaretti?
Sabatini sottolinea che si tratta di «una realtà che conosciamo bene, denunciata ogni giorno dai pendolari che affrontano la via crucis della Roma-Viterbo di cui solo Zingaretti non si accorge, troppo preso a tagliare nastri. E a nulla vale la solita scusa che il servizio è in gestione ad Atac perché un presidente di Regione degno di questo nome si attiverebbe per pretendere che salire su un treno non sia una scommessa con il destino. Zingaretti invece preferisce la latitanza alla faccia dei pendolari». (Fonte Askanews)