25 febbraio 2020
Aggiornato 00:00
40 strade e piazze off-limits

Centurioni: si allarga la zona rossa

Il Commissario straordinario Tronca estende l'ordinanza che vuole bloccare il lavoro dei centurioni nelle zone turistiche di Roma. Dopo il centro, anche San Lorenzo e Muro Torto

ROMA – Si amplia ancora l'area off-limits per centurioni e promoter turistici romani. Altre quaranta strade finiscono dritte dritte nel divieto: non solo Vaticano e Tridente, ma anche zone come Muro Torto e San Lorenzo vengono bandite ai centurioni. Estesa, dunque, l'«efficacia territoriale» dell'ormai celebre ordinanza del 25 novembre, quella secondo la quale in centro si vieta «qualsiasi attività che preveda la disponibilità ad essere ritratto come soggetto in abbigliamento storico in fotografie o filmati, dietro corrispettivo in denaro».

Tronca insegue i centurioni
A partire da oggi, altre quaranta tra strade e piazze capitoline vedranno esteso il provvedimento. La zona in cui viene applicata la delibera da oggi è quella in cui i centurioni si erano spostati dopo che il centro era stato considerato impraticabile. Tronca, quindi, insegue i centurioni e neanche a via di Porta Angelica, borgo Angelico, viale delle Mura Aurelie, largo di Porta Cavalleggeri, via Paolo VI, largo del Colonnato, «ad esclusione delle aree ricadenti nel territorio dello Stato Città del Vaticano» potranno lavorare.

Le zone off-limits
Quanto è esteso il divieto? Da ponte Regina Margherita, a pochi passi da piazza del Popolo, a via Ferdinando di Savoia, da via Principessa Clotilde a piazzale Flaminio. Ma perfino viale del Muro Torto, corso d'Italia e sottovia Ignazio Guidi diventano off-limits per i centurioni. Figuranti banditi pure dall'area intorno alla Sapienza. Nell'elenco del Campidoglio finiscono infatti viale del Policlinico, viale dell'università, piazza Confienza, via Monzambano, viale Castro Pretorio, viale Pretoriano, viale di Porta Tiburtina, piazzale Tiburtino, via di Porta Labicana, piazzale Labicano e via Casilina nel tratto da Piazzale Labicano e Viale Castrense. Non viene risparmiato neanche il quartiere San Giovanni e Terme di Caracalla: via della Ferratella in Laterano, viale Metronio, via delle Mura Latine, viale di Porta Ardeatina; viale del Campo Boario. E ancora: lungotevere Testaccio, Ponte Sublicio, viale delle Mura Portuensi e viale Aurelio Saffi.