31 maggio 2020
Aggiornato 18:30
a un mese dall'inizio del giubileo

Monteverde, Ospedale San Camillo nel caos

Pazienti ovunque, sale sovraffollate e pronto soccorso intasato

ROMA - L'ospedale del quartiere Monteverde, sito sulla Gianicolense, versa da tempo in condizioni drammatiche. Medici e personale sanitario sono costretti a lavorare in mezzo al caos, con i pazienti ammassati ovunque perché non c'è posto per tutti. L'ospedale più grande d'Europa ha un pronto soccorso sovraffollato e gestire le emergenze diventa sempre più difficile.

La denuncia del consigliere regionale
Il consigliere regionale Fabrizio Santori ha girato e diffuso un video per denunciare le condizioni in cui versa da mesi l'ospedale di Monteverde. Sartori spiega: «Sono quantomai sconcertanti le immagini che ho girato in una giornata qualunque al pronto soccorso dell'Ospedale San Camillo. C'erano pazienti ovunque: tanto nei corridoi, quanto all'interno delle stanze, ammassati anche a dozzine in stanze da 4 o 6 letti, senza distinzione di sesso o di età». Noi, al pronto soccorso del San Camillo, ci siamo stati e possiamo confermare le difficoltà della struttura e di tutto il personale.

Il Giubileo rischia di far collassare il pronto soccorso
«Una condizione che grida vendetta, sul quale la giunta Zingaretti non può far finta di niente, considerando che proprio il presidente della Regione, in qualità di Commissario straordinario, aveva promesso l'apertura di 48 case salute per alleggerire il carico dei pronti soccorso ma ad oggi quelle poche aperte sono solo delle sedi fantasma che generano solo sperperi», prosegue il consigliere, che non è il primo comunque a denunciare lo status quo. Prima di lui infermieri, medici e pazienti hanno già fatto altrettanto, lamentandosi anche per le drammatiche condizioni igienico-sanitarie presenti nella struttura e per la mancanza di personale. L'arrivo del Giubileo rischia di portare al collasso non solo questo pronto soccorso, ma tutto il sistema sanitario regionale se non verranno prese per tempo delle tempestive decisioni.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal