5 dicembre 2022
Aggiornato 01:30
Asl Vercelli

I Sindaci Votano «No» al piano Asl

Voto negativo all'unanimità per il piano sanitario, dopo gli scontri dei giorni scorsi. Intanto, si prevede un incontro con Saitta e Chiamparino per valutare la situazione

VERCELLI – Alla fine hanno votato tutti «No». I sindaci della provincia di Vercelli hanno votato contro il documento di programmazione aziendale dell’Asl, che secondo loro rappresenterebbe «la morte della sanità vercellese, capoluogo compreso».

Non basta il «No» bisogna «presidiare»
E' stata un voto all'unanimità che ha infiammato la sala convegni di villa Paolotti, a Gattinara, dove la presidente della conferenza e sindaco di Vercelli, Maura Forte, ha sottolineato che: «Oggi votiamo no al documento ma non basta: dobbiamo presidiare. Dalla prossima settimana serve un’azione decisa per rimettere tutto in discussione. Perché l’ospedale di Vercelli rischia di restare schiacciato tra Novara e Biella».

Un incontro con Saitta e Chiamparino
Gianluca Buonanno, sindaco di Borgosesia, ha contestato il percorso che ha portato al rinvio del voto, proponendo un incontro con l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta e il governatore Sergio Chiamparino. Una proposta che avrebbe voluto fare anche il sindaco Forte, se la precedente seduta non fosse terminata con i famosi litigi e che comunque è stata accolta e si concretizzerà nei prossimi giorni.