29 marzo 2020
Aggiornato 20:00
Diritti

Bimbo down escluso da centro estivo, si muove anche il PD

Il deputato democratico Khalid Chaouk: «Chiediamo al governo di intervenire con urgenza per far sì che fatti come quello successo a Danilo non si ripetano più»

ROMA - «Chiediamo al governo di intervenire con urgenza per far sì che fatti come quello successo a Danilo non si ripetano più». Lo afferma il deputato democratico Khalid Chaouki, componente della segreteria del Pd Roma, che ha presentato un'interrogazione parlamentare al ministro del Lavoro e delle politiche sociali a seguito della triste vicenda di Danilo Mantovani, il bambino affetto dalla sindrome di Down che, accompagnato dal padre presso il centro estivo «Ottavia» di Roma, è stato allontanato e invitato a non tornare più.

STORIA COMMOVENTE E INDIGNANTE - «La sua storia ci ha commosso e indignato, - prosegue Chaouki - impedire a Danilo di stare con gli altri bambini si traduce in un atto di discriminazione basata sul suo stato di persona con disabilità e, oltre a violare l'art. 5, l'art. 7 e l'art. 9 della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, costituisce un fatto gravissimo e indegno di un paese civile. L'Italia deve invece impegnarsi per rimuovere tutte le barriere e promuovere l'inserimento delle persone con disabilità, soprattutto se bambini. Tutta la nostra vicinanza a Danilo e alla sua famiglia che, con coraggio e determinazione, ha portato all'opinione pubblica una storia individuale che trova purtroppo riscontri in tante città italiane e sulla quale non possiamo più rimanere in silenzio».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal