2 giugno 2020
Aggiornato 14:30
La Lega punta alla leadership

Salvini si propone come nuovo leader della destra: Non mi tiro indietro

Il Segretario della Lega Nord nega di voler rottamare Berlusconi, ma sostiene che l'alleanza con Fi non basta più. Di Renzi dice: il vuoto che gli sta intorno lo riempiremo noi.

ROMA  - Matteo Salvini si propone come nuovo leader della destra, nell'intervista in uscita domani sul settimanale «Oggi»: «Non mi tiro indietro. Nonostante si tratti di una responsabilità enorme, che mai avrei sognato di avere».

Subito dopo nega di voler rottamare Berlusconi perché: «Non sono il tipo», ma sostiene anche che: «I tempi cambiano. Silvio ha fatto tantissimo. Però col senno di poi l'alleanza ci ha dato meno di quello che avremmo voluto».

Rispondendo alle domande che riguardano il premier, Matteo Renzi, Salvini argomenta: «Tra noi le distanze sono enormi. Lui occupa la scena, ma oltre a lui c'è il vuoto. Lo riempiremo noi». E spiega ancora: «La mia scommessa sarà quella di aprire la Lega a chi con la Lega non ha mai avuto a che fare», lanciando anche una proposta rivoluzionaria, oltre a rincarare la dose per quel che riguarda la sua battaglia su euro e immigrazione clandestina:

«Rivoluzione fiscale: una sola aliquota per far pagare finalmente tuti i contribuenti».

Infine, alla domanda se ai Mondiali tiferà per l'Italia, Salvini risponde: «Il calcio per me comincia e finisce con il Milan».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal