12 luglio 2020
Aggiornato 02:00
Proteste

Strage Viareggio, occupati i binari dopo la nomina dell'ad di Fs

In segno di protesta contro Michele Mario Elia, amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, i familiari delle vittime della strage di Viareggio hanno simbolicamente bloccato per alcuni minuti la stazione, dove si scatenò il rogo che il 29 giugno 2009 provocò la morte di 32 persone

Firenze, 30 mag. (TMNews) - In segno di protesta contro la nomina di Michele Mario Elia ad amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, i familiari delle vittime della strage di Viareggio hanno simbolicamente bloccato per alcuni minuti la stazione, dove si scatenò il rogo che il 29 giugno 2009 provocò la morte di 32 persone. Anche Elia, come il predecessore Mauro Moretti, è tra gli imputati nel processo per la strage. Daniela Rombi, presidente dell'associazione «Il mondo che vorrei» che raccoglie alcuni dei familiari, chiderà al premier Matteo Renzi un incontro «per avere spiegazioni» sulla nomina di Elia. La protesta, che ha preso forma alle 23.48, all'ora cioè del deragliamento di cinque anni fa, ha provocato il ritardo, per alcuni minuti, di un Intercity diretto a Siracusa. I familiari delle vittime si sono scusati con i passeggeri.