27 ottobre 2020
Aggiornato 16:30
Ambiente

Lombardia rafforza tutela di 455 ettari di brughiera a Malpensa

Si tratta di un terreno all'interno del Parco del Ticino che per la Commissione europea l'Italia non ha finora adeguatamente tutelato.

MILANO - La Giunta regionale dela Lombardia ha approvato ulteriori misure di conservazione per la cosiddetta Brughiera del Dosso, un'area di 455 ettari nel Comune di Somma Lombardo e Vizzola Ticino (Varese). Si tratta di un terreno all'interno del Parco del Ticino che per la Commissione europea l'Italia non ha finora adeguatamente tutelato.

L'atto prosegue l'adozione delle misure di conservazione dei Sic (Siti interesse comunitario) presenti in Lombardia, al fine della loro designazione in Zsc (Zone speciali di conservazione), come previsto dalla Direttiva 'Habitat'. L'obiettivo è la conservazione degli habitat naturali e seminaturali della flora e della fauna selvatiche, tutelarne la biodivesità attraverso l'attuazione della rete ecologica 'Natura 2000', formata da siti di rilevante valore naturalistico denominati Siti di importanza comunitaria (Sic) e dalle Zone di protezione speciale (Zps).

La particolare urgenza deriva dal parere motivato espresso dalla Commissione, in data 16 aprile 2014, che richiede espressamente di sanare il ritardo relativo a misure di conservazione e designazione come Zsc di questo sito. «Regione Lombardia non è inattiva rispetto alle richieste della Commissione europea, né insensibile alle esigenze dell'ambiente e alle richieste del territorio portate avanti anche dalle Amministrazioni comunali» ha commentato in una nota l'assessore all'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile. Ora, ha aggiunto, la Lombardia continuerà «il dialogo con il Governo e l'Europa, per conciliare al meglio lo sviluppo dell'hub di Malpensa con la salvaguardia delle aree di pregio ambientale nelle sue immediate vicinanze».