12 luglio 2020
Aggiornato 18:00
Il delitto di Novi Ligure

Don Mazzi: Erika andrà a insegnare in Madagascar

«Non voglio che si incontri con Omar, non lo voglio per una questione di metodo, non per cattiveria. Non è opportuno che ritornino le amicizie e le emozioni che c'erano prima, noi che lavoriamo in questo ambiente lo sappiamo bene»

TORINO - Erika De Nardo tra pochi mesi partirà per una missione in Africa, in Madagascar dove si dedicherà all'insegnamento. Lo ha annunciato Don Mazzi, nella cui comunità Erika vive, in una intervista video su La Stampa: «Erika - spiega Don Mazzi - ha deciso di passare il Natale con il papà e poi farà volontariato con noi. Lei vuole fare l'insegnante - prosegue - Quando ha ucciso fratellino e madre era alterata, non era in condizioni normali, secondo me lei può fare l'insegnante, ma siccome in Italia sarà difficile starà 5 o 6 mesi con noi e poi spero di mandarla in Madagascar, dove ci sono 500 bambini che hanno bisogno di essere alfabetizzati».

«Non è opportuno che Erika incontri Omar» - Don Mazzi ha poi aggiunto: «Non voglio che Erika e Omar si incontrino, non lo voglio per una questione di metodo, non per cattiveria. Non è opportuno che ritornino le amicizie e le emozioni che c'erano prima, noi che lavoriamo in questo ambiente lo sappiamo bene». Quanto al padre di Erika Don Mazzi ha spiegato che la ragazza ha con lui «un rapporto straordinario» e che desidera «che si rifaccia una famiglia».