13 novembre 2019
Aggiornato 23:00
Quattro donne ancora sotto le macerie

Crollo un edificio a Barletta: primo bilancio una vittima e 8 feriti

Riconosciuto il cadavere della ragazzina morta sotto le macerie. A provocare il crollo, alle 12.32 stamattina, non è stata una fuga di gas, ma un cedimento strutturale

BARLETTA - Una vittima, otto feriti, di cui sette donne e un uomo. E' questo il bilancio provvisorio del crollo della palazzina in via Roma, nel centro di Barletta. L'unica vittima per ora - perché le operazioni di soccorso proseguono senza sosta - è Maria Cinquepalmi, 14 anni, figlia dei proprietari del laboratorio tessile che si trovava nello scantinato dello stabile. Il cadavere della ragazza è stato trasferito in obitorio al policlinico di Bari per essere sottoposto all'autopsia. Uno zio ha riconosciuto il corpo della vittima. La 14enne era uscita un'ora prima da scuola e aveva deciso di andare a salutare i suoi genitori.

Le persone ferite sono le donne che lavoravano all'interno del maglificio. La prima ad essere soccorsa è stata una 31enne incinta al quinto mese di gravidanza adesso ricoverata in ospedale. Lei e il bambino sono fuori pericolo. Sul luogo dell'incidente ci sono ancora forze dell'ordine e volontari. A coordinarli il sottosegretario Alfredo Mantovano, che nel pomeriggio ha tenuto un vertice con i rappresentanti delle istituzioni locali e gli esperti della Protezione civile.

A provocare il crollo, alle 12.32 stamattina, non è stata una fuga di gas, ma un cedimento strutturale. Dovuto quasi certamente ai lavori di ristrutturazione in corso in un edificio adiacente. E' probabile che siano state intaccate le fondamenta del palazzo di cui sono rimaste solo macerie. La Procura di Trani ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo. I magistrati dovranno accertare le responsabilità di questa tragedia annunciata. A maggio scorso i vigili del fuoco durante un sopralluogo avevano accertato carenze strutturali. Più volte l'ufficio tecnico del Comune era stato sollecitato. Venerdì scorso l'ultimo sopralluogo di alcuni tecnici dello Spesal. I lavori di consolidamento però erano stati rinviati alla settimana prossima.

Damiano: Pd in angoscia per le operaie coinvolte - «La notizia angosciante che ci giunge da Barletta ci riporta ai momenti tragici degli incidenti sul lavoro. Siamo in attesa di comprendere le cause del crollo e la reale situazione che si è determinata». Lo ha affermato l'ex ministro Pd Cesare Damiano, capogruppo della commissione Lavoro della Camera.
«Le notizie - ha aggiunto l'esponente democratico - parlano di almeno cinque persone sepolte sotto le macerie, tra le quali una bambina. Ci auguriamo che l'opera delle istituzioni e dei volontari porti in salvo tutte le persone coinvolte, come già avvenuto per due donne. Adesso pensiamo alla salute e all'integrità delle persone per poi accertare le responsabilità».