4 aprile 2020
Aggiornato 18:00
Spazio RAI

Arrivano le nomine, si spacca il Cda Rai

Anche il consigliere per la maggioranza, Antonio Verro si astiene dal voto. E Berlusconi su Santoro: «Sfogo plausibile»

ROMA - «E' l'ennesimo atto spartitorio che offende la dignità dell'azienda. Ieri avevamo chiesto di fermarsi e di pensare piuttosto alle priorità vere dell'azienda. Chi ha proposto queste nomine e chi le ha votate ha commesso un'incredibile forzatura, con l'unico obiettivo di soddisfare la voracità delle peggiori correnti». Lo ha affermato Matteo Orfini, responsabile cultura e informazione del Pd.

RAI: LA DIREZIONE DI RAI2 A PASQUALE D’ALESSANDRO - Il Cda della Rai ha approvato a maggioranza il pacchetto di nomine portato dal Dg Lorenza Lei e che vede in primis il cambio di Direzione a Raidue con Pasquale D'Alessandro al posto di Massimo Liofredi, nominato a Rai ragazzi. Non hanno votato Antonio Verro - consigliere di maggioranza -, Nino Rizzo Nervo e Rodolfo De Laurentiis per l'opposizione. Nel pacchetto di nomine anche la conferma di Carlo Freccero a Rai 4, l'arrivo di Massimo Ferrario a Rai 5, di Silvia Calandrelli a Rai educational e di Alessandro Zucca al coordinamento delle sedi regionali. Non è stata votata la Direzione di Rai Gold.

MATTEO ORFINI (PD): NOMINE ASSURDE LONTANE DA OGNI MERITOCRAZIA - «Un'altra giornata nera per la Rai. Nomine assurde che non sono giustificabili con nessun criterio e che nulla hanno a che fare col merito e con scelte curriculari».
Lo ha affermato Matteo Orfini, responsabile Cultura e informazione del Pd.

ANTONIO VERRO: NOMINE CON MAGGIORANZA RISICATA, PER QUESTO NON HO VOTATO - «Non ho partecipato al voto per una questione di equilibrio e buon senso»: lo ha spiegato il consigliere Rai Antonio Verro, aggiungendo: «Alla luce dell'assenza di un consigliere e della scelta di altri due di non partecipare al voto, ho preferito evitare strappi e forzature.
Sarebbe comunque stato opportuno seguire il metodo utilizzato per la Direzione Intrattenimento, ovvero portare all'attenzione del Consiglio proposte largamente condivise. Purtroppo in questa occasione non è andata in questo modo».

BERLUSCONI: LA TELEFONATA CONTRO SANTORO? SOLO UNO SFOGO PALUSIBILE - Non solo media faziosi, ma anche un «accanimento giudiziario per intaccare la mia immagine». Così il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, è tornato a sfogarsi durante l'incontro con i coordinatori regionali, in particolare, il premier ha fatto riferimento all'inchiesta per abuso di ufficio in cui è indagato per la telefonata ad Innocenzi in merito a 'AnnoZero' e Michele Santoro. Il Cavaliere l'avrebbe definito «solo uno sfogo plausibile».

IL BUNGA BUNGA E’ UNA STORIELLA FANTASTICA - Sempre nel capitolo delle doglianze contro i giudici, Berlusconi avrebbe citato il processo Ruby, definendolo una «ignominia», insomma «un tentativo di intaccare la mia immagine con la storiella fantastica del bunga bunga».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal