26 maggio 2020
Aggiornato 06:30
CSM

Brigandì: Accelerazione voto decadenza frutto di pretesto

«Il mio ricorso al Tar risale al 6 aprile»

ROMA - La decisione del plenum del Csm di invertire l'ordine del giorno e votare immediatamente la sua decadenza dal Consiglio, per il 'laico' della Lega Matteo Brigandì è dovuta a un «pretesto».

Il plenum ha deciso l'inversione dell'ordine del giorno dopo che stamattina era stato rinviato il voto al 4 maggio perché il vicepresidente Michele Vietti ha comunicato di aver ricevuto la notifica di un ricorso al Tar presentato dall'esponente del Carroccio.

«Il ricorso al Tar - ha commentato Brigandì - era del 6 aprile, è solo un pretesto. Le faccio un esempio - ha aggiunto rivolgendosi ai cronisti - se c'è una causa di separazione e poi i due coniugi fanno pace il ricorso di straccia. Quindi se si arriva a una soluzione finisce il discorso...».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal