28 giugno 2022
Aggiornato 02:00
Enti locali

Maroni: altri sei mesi per il commissariamento di Rosarno

«Non ci sono le condizioni per tornare a votare»

ROMA - Il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, ha annunciato, nel corso della trasmissione Porta a porta, che il governo ha deciso di rinnovare per altri sei mesi il commissariamento del comune di Rosarno, già sciolto per infiltrazioni mafiose «perché non ci sono le condizioni per tornare alle elezioni». Maroni ha sottolineato che nel comune calabrese «la situazione resta molto difficile», con la criminalità organizzata che mantiene un forte controllo sul territorio.

A proposito dei gravi disordini avvenuti nelle scorse settimane, il titolare del Viminale ha ribadito che nella città della Piana di Gioia Tauro ci sono state condizioni di grave degrado che hanno portato all'esplosione di una protesta che è stata «una vera e propria bomba». «Non deve più succedere una nuova Rosarno», ha sottolineato Maroni.