19 settembre 2019
Aggiornato 17:00
Manifestazioni G8

Questore L'Aquila: «Ci sono le premesse per marcia pacifica»

«Forse eccessiva la previsione di cinquemila presenze»

L'AQUILA - Per la marcia no global di domani a L'Aquila in occasione del G8 «ci sono le premesse perchè si svolga pacificamente». Ne è convinto il questore dell'Aquila, Filippo Piritore, che definisce «confortante» il segnale che è arrivato in queste ultime ore da parte degli organizzatori della manifestazione. «Spero che i manifestanti - afferma ad Apcom Piritore - vogliano portare solidarietà alle popolazioni colpite dal terremoto e a tutto il popolo aquilano».

«I servizi di polizia - prosegue il questore - saranno discreti e prudenti e non c'è stato motivo di rafforzare i sistemi di sicurezza sul territorio. Speriamo che sia una marcia nella legalità e che i manifestanti mantengano il percorso concordato da tempo».

Quanto alle stime degli organizzatori che prevedono circa cinquemila presenze al corteo, Piritore è scettico: «Mi pare un po' eccessivo parlare di cinquemila presenze».

Infine, il questore aquilano ha voluto sottolineare come durante questo vertice del G8 tutti i servizi di assistenza e sorveglianza del territorio siano stati improntati «a preservare e mantenere gli stessi servizi che erano attivi prima del vertice mondiale, dagli alimentari ai soccorsi sanitari, dalla sicurezza alle opere di ricostruzione per gli sfollati. I cantieri - evidenzia Piritore - non si sono fermati un attimo perchè anche in occasione di manifestazioni come questa non abbiamo voluto distogliere dal territorio i servizi di cui esso necessita».