17 ottobre 2019
Aggiornato 13:01
Manifestazioni G8

Prefetto Gabrielli: atteggiamento forze ordine non sarà rigido

«Scontri imprevedibili. Bene impegno organizzatori per marcia pace»

ROMA - Nessun rafforzamento particolare delle misure di sicurezza in vista della marcia no global di domani da Paganica a L'Aquila. Ad affermarlo ad Apcom è il prefetto dell'Aquila, Franco Gabrielli che spiega: «Le misure di sicurezza sono sufficienti così come sono state predisposte. Del resto - riferisce ad Apcom - sapevamo di questa manifestazione da tempo. Non sarà di certo una manifestazione qualsiasi visto che il G8 non è un evento qualsiasi. Non possiamo che gestirla con cautela e con molta attenzione».

L'ipotesi di scontri e tensioni con le forze dell'ordine, secondo Gabrielli, è «difficilmente prevedibile. Le tensioni possono scaturire talvolta da circostanze anche banali. Ma da parte delle forze di polizia, secondo le precise direttive del capo della polizia Manganelli saranno non dico concilianti ma non saranno rigide».

«E' sicuro che faremo rispettare la legge, ma con l'atteggiamento proprio del caso di manifestazioni come questa in cui si cerca un dialogo e una intesa. Chi manifesta, dal canto suo, ha bisogno della giusta visibilità ma non deve fare passi indietro rispetto alle intenzioni della vigilia».

Il prefetto Gabrielli saluta positivamente i segnali di distensione venuti dagli organizzatori e, in particolare, dal Cobas. «Sicuramente è un buon segnale alla vigilia. Piero Bernocchi (portavoce nazionale, ndr.) si è impegnato. Ho apprezzato molto il fatto che gli organizzatori, se avranno la certezza della presenza di infiltrati nel corteo, decideranno di non partire nemmeno».