5 giugno 2020
Aggiornato 15:00
Staminali cordone ombelicale

Poretti: Governo contro la libertà di cura?

Intervento della senatrice Donatella Poretti parlamentare Radicali - Partito Democratico, segretaria della Commissione Sanità

ROMA - E' urgente che il Governo fornisca alla Commissione Igiene e Sanità del Senato lo stato dell'arte sulla raccolta delle staminali del cordone ombelicale prima di procedere, ancora una volta, con provvedimenti che rispondono solo a logiche e pressioni delle corporazioni e non alle esigenze dei cittadini.

Il sottosegretario alla Salute, Eugenia Roccella, ha annunciato di aver stanziato 18 milioni per aumentare le donazioni e potenziare la rete di banche pubbliche e centri di raccolta. Ma sull'intera faccenda si continua ad alimentare disinformazione e mistero: opuscoli informativi fuorvianti distribuiti dal Ministero, incertezza dei costi delle prestazioni di raccolta per l'esportazione all'estero (che sempre più italiane chiedono); oltre ad una rete che funziona a singhiozzo dove, per esempio, nei week-end le donazioni sono impossibili perché i centri di raccolta sono chiusi.

Per fare chiarezza su una situazione grottesca e lesiva di diritti fondamentali dei cittadini, insieme al senatore Marco Perduca, abbiamo rivolto un'interrogazione al Ministro del Lavoro, Salute e Welfare, perché faccia il punto:
- della situazione sul numero dei campioni attualmente conservati nelle 16 biobanche pubbliche;
- quante richieste al Ministero, e quante accolte, da parte di coppie portatrici di malattie genetiche per la conservazione autologa;
- quante le richieste di autorizzazione all'esportazione nelle biobanche private all'estero;
- come verranno spesi i 18 milioni di cui parla il sottosegretario Eugenia Roccella;
- come si intende aumentare i centri di raccolta, gli orari in cui è possibile effettuare le donazioni e le tipologie di campioni conservabili;
- e in particolare se non sia il caso di diminuire il numero di banche pubbliche, costose e inutili, e attivare il servizio presso le numerose strutture private titolate a svolgerlo.

Così come si sta muovendo fino ad oggi in materia, il Governo appare solo schierato in una guerra ideologica, carica di arroganza clericale e schizofrenica contro il diritto alla libertà di cura e alla salute futura dei nuovi italiani.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal