10 luglio 2020
Aggiornato 23:00
Terrorismo

«La Francia estradi la br Petrella»

Lo rende noto il capo delegazione della Lega al Parlamento Europeo, Mario Borghezio

«Ho consegnato poco fa personalmente nell’Aula di Strasburgo al Presidente Sarkozy una lettera di protesta per la decisione della Francia di negare l'estradizione in Italia della brigatista Marina Petrella», lo rende noto il capo delegazione della Lega al Parlamento Europeo, Mario Borghezio che, nella lettera appunto l’accoglimento della richiesta di estradizione formulata dall’Italia.

«Illustre Presidente, in qualità di deputato europeo eletto a Torino dove il Maresciallo di P.S. Rosario Berardi è stato ucciso da un commando delle Brigate Rosse di cui faceva parte Marina Petrella, mi faccio portavoce -scrive Borghezio- della ben motivata protesta dell’Associazione vittime del terrorismo 'Domus Civitas' presieduta dal figlio di questo Caduto italiano nella lotta al terrorismo, che rivendica il diritto dei parenti delle vittime a veder scontata la pena pronunciata dalla Giustizia del nostro Paese. Chiedo quindi, con loro, che -conclude Borghezio- la Francia accolga la richiesta di estradizione formulata dal nostro Paese.»