7 dicembre 2019
Aggiornato 08:00
Sanità e vaccini

Il mancato inserimento nei Lea ha provocato un «federalismo vaccinale»

Moige: «Nei nuovi LEA non venga dimenticata l’offerta libera, gratuita e non obbligatoria di tutte le vaccinazioni previste dal piano nazionale vaccini»

Maria Rita Munizzi: «Chiediamo al governo che, nel momento in cui la nuova versione dei Lea verrà discussa con le regioni, venga data una risposta definitiva ai genitori al momento discriminati nell’offerta vaccinale: è opportuno ricordare che proprio il mancato inserimento nei Lea del piano nazionale vaccini ha provocato un ‘federalismo vaccinale’, che ha portato a una difformità della prevenzione»

Il Moige - Movimento Italiano Genitori - interviene a commento dell’annuncio da parte del sottosegretario al welfare Ferruccio Fazio della probabile approvazione da parte del tavolo con le Regioni il 14 ottobre prossimo, del provvedimento sui nuovi Livelli essenziali di assistenza «Auspichiamo che nel nuovo intervento, previsto per Ottobre, non vengano dimenticate la vaccinazione contro tutte le forme di meningite e quella contro l’hpv, con ampliamento a nuove coorti di giovani oltre che alle dodicenni», ha dichiarato Maria Rita Munizzi, Presidente Nazionale del Moige. «La gratuità di questo genere di vaccinazioni infatti», prosegue la Munizzi, «è fondamentale perché mette tutti i genitori sullo stesso piano, senza discriminazioni di natura economica».