22 gennaio 2022
Aggiornato 04:00
Il Codacons sulla Base USA Dal Molin

Base USA: «Il Consiglio di Stato rettifica la precedente ordinanza»

La revocazione viene dichiarata inammissibile ma la nuova sezione da il via libera al tar che si pronuncerà l’8 ottobre e alla consultazione popolare

Pubblicata poco fa l’ordinanza della IV sezione del Consiglio di Stato (presidente Vacirca, relatore Potenza) emessa sulla richiesta del Codacons di revocare l’ordinanza del 29 luglio con la quale si era dato il via libera alla consegna della base Usa di Vicenza. Il giudice pure respingendo l’istanza ritenuta inammissibile, poiché tutte le questioni prospettate nuovamente risultano già esaminate dall’altra sezione, ha rettificato la prima decisione con due importanti affermazioni:

1) Innanzitutto la nuova sezione ha precisato che quanto affermato nell’ordinanza del 29 luglio «non è vincolante» per il Tar del Veneto che, quindi, il prossimo 8 ottobre ben potrà ritornando sull’argomento con la decisione finale di merito annullare le autorizzazioni concesse e disporre il blocco per la costruzione della base.

2) In merito alla consultazione popolare, mentre la precedente ordinanza aveva lasciato intendere che fosse vietata, scatenando a Vicenza denunce a livello politico, oggi il Consiglio di Stato ha precisato che non è vietata ma prevista oltretutto da una direttiva europea che prescrive di acquisire l’opinione della popolazione.

«Siamo moderatamente soddisfatti – commenta il Presidente Codacons Carlo Rienzi – la decisione del Consiglio di Stato riapre la strada correttamente all’unico giudice competente sulla materia, il Tar del Veneto, che si pronuncerà l’8 ottobre.