28 ottobre 2021
Aggiornato 23:30
Tutela del territorio

Il Veneto approva il programma 2008 di interventi sistemazione idraulico forestale

Si tratta di 104 opere specialistiche finalizzate alla tutela e alla conservazione del territorio boschivo e a fronteggiare le situazioni di dissesto reale e potenziale

Approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell’Assessore alle Politiche dell’Ambiente, Giancarlo Conta, il programma di interventi di sistemazione idraulico-forestale per l’anno 2008, che prevede un importo complessivo di 13.000.000 euro. Si tratta di 104 opere specialistiche finalizzate alla tutela e alla conservazione del territorio boschivo e a fronteggiare le situazioni di dissesto reale e potenziale.

Il finanziamento consentirà anche di assumere oltre 410 operai a tempo determinato, che andranno ad aggiungersi ai 250 a tempo indeterminato, che rappresentano la componente maggiormente qualificata e specializzata nell’esecuzione dei lavori, la cui operatività risulta necessaria per tutto il periodo dell’anno, in particolare per far fronte alle esigenze di natura manutentoria ed organizzativa. Gli interventi, individuati d’intesa con le Comunità Montane, saranno realizzati a cura della Direzione Foreste e dei 5 Servizi Forestali Regionali e consentiranno il controllo e la soluzione di specifici problemi, per lo più relativi alla ricostruzione e miglioramento di boschi degradati, alla manutenzione della viabilità di accesso esistente, alla sistemazione idraulico forestali estensive e alla regimazione idraulica.

«Il provvedimento approvato dalla Giunta – sottolinea l’Assessore Conta – risponde alla politica programmatoria e di pianificazione forestale che la Regione ha da tempo avviato per la difesa idrogeologica, la conservazione del suolo e dell’ambiente naturale, con l’obiettivo di un armonico sviluppo socio economico del territorio, che in questi ultimi anni si è degradato a causa di un progressivo abbandono delle attività agricole in montagna e in collina. Ecco quindi la necessità di un suo recupero – conclude Conta - valorizzando, anche sotto il profilo culturale, le molteplici funzioni svolte dal bosco e gli aspetti sociali ed economici legati alle attività agro-forestali, rivalutandone anche il significato produttivo». Per quanto riguarda i finanziamenti, essi sono così suddivisi: Servizio Forestale Regionale di Belluno ¤ 2.630.000; S.F.R. di Vicenza ¤ 2.325.000; S.F.R. di Treviso e Venezia ¤ 1.760.000; S.F.R. di Verona ¤ 1.530.000; S.F.R. di Padova e Rovigo ¤ 1.320.000; Veneto Agricoltura ¤ 200.000.