startup

Shop Around: «La nostra è un'app che ti guida negli acquisti in base alle tue preferenze»

Shoparound è un'app che - attraverso un algoritmo di intelligenza artficiale - indirizza turisti e viaggiatori verso i negozi delle città più affini agli stili e ai gusti dell'utente

ROMA - Spesso, quando si va in una nuova città, è difficile trovare i negozi adatti alle proprie esigenze, che si voglia acquistare un capo d’abbigliamento o semplicemente un prodotto tipico. «Mi trovavo a Sofia per un viaggio di lavoro - ci racconta Maria La Via, co-founder di Shop Around - e avrei avuto tanto bisogno di qualcuno che mi indirizzasse verso negozi tipici, adatti alle mie preferenze e che mi portasse magari a scoprire dei quartieri fuori dalle rotte turistiche. E’ così che mi è venuta l’idea di Shop Around».

Cos’è Shoparound
Shop Around è un’app che, in base alle indicazioni dell’utente viaggiatore, è in grado - attraverso un algoritmo di intelligenza artificiale - di consigliare il percorso fatto su misura per lui. In base alle sue preferenze e alla categoria di prodotto che intende acquistare, l’app potrà portarlo nei quartieri della città che si addicono maggiormente alle sue richieste. La startup, che fa parte del nuovo batch del programma di accelerazione Luiss Enlabs di Roma, è composta prettamente da donne e si appresta a lanciare la versione beta nelle prossime settimane.

Carriere diverse per un sogno comune
Un percorso importante quello che si apprestano a compiere le due co-founder Maria La Via e Francesca Rosati, entrambe appassionate di shopping e di viaggi e con una carriera alle spalle «lasciata» per inseguire un sogno: «Arrivo dal mondo dell’editoria dove ho fondato una rivista proprio sui viaggi e sul turismo - ci racconta Francesca -. Nel frattempo sono diventata mamma e ho lasciato il mio vecchio lavoro, ma oggi sono pronta a ricominciare e rimettermi in gioco». «Io ho abbandonato un percorso da avvocato - ci dice Maria - ma lo rifarei perché credo tantissimo nel progetto di Shoparound». Ragazze tenaci, che credono nei propri sogni e disposte ad addentrarsi nel magico (ma faticoso) mondo delle startup per realizzarli. E poi sono donne che, di questi tempi, diciamolo, fa sempre piacere.

Un sogno europeo
L’app sarà lanciata tra qualche mese sulle città di Roma e Milano, ma le due ragazze pensando in grande: «L’obiettivo è quello di raggiungere il prima possibile città come Londra, Berlino e Parigi.