17 novembre 2019
Aggiornato 15:30
Viaggi

Viaggi: 7 consigli per risparmiare

Una lista di consigli per aiutare viaggiatori e vacanzieri a risparmiare.

Viaggi: 7 consigli  per risparmiare
Viaggi: 7 consigli per risparmiare Pixabay

La stagione estiva é iniziata e oltre 30 milioni di italiani andranno in vacanza entro fine settembre (dati Confturismo-Confcommercio), con agosto come mese favorito, ma anche il piú costoso. Per aiutare viaggiatori e vacanzieri a risparmiare una volta giunti a destinazione, gli esperti di viaggi di Revolut hanno elaborato una lista di consigli.

1. Non cambiare il denaro prima di partire, né all’aeroporto

Si tratta di un errore comune tra chi viaggia. Cambiare il denaro in una banca prima di partire o presso un ufficio apposito, in aeroporto o una volta giunti a destinazione, comporta il pagamento di commissioni, oltre a un tasso di cambio svantaggioso. La migliore soluzione é quindi pagare quanto piú possibile con la carta - e possibilmente usandone una che permette di non pagare commissioni - anche se in alcuni luoghi é comune utilizzare il contante. In questo caso é preferibile prelevare presso uno sportello quanto piú denaro possibile, in modo da pagare le commissioni sul prelievo solo una volta. Prelevando in diverse occasioni sarà necessario pagare le commissioni a ogni prelievo, un esborso notevole! In questo caso, é sicuramente una buona soluzione avere con sè una carta che non prevede commissioni per i prelievi all’estero.

2. Scegli di pagare e prelevare denaro nella valuta locale

É sempre meglio pagare nella valuta locale anziché in Euro e lo stesso vale per i prelievi presso gli sportelli bancomat. In questo modo si eviteranno le commissioni applicate dalle banche estere e sarà possibile risparmiare denaro.

3. Mai utilizzare la carta di credito all’estero

Oltre alle commissioni, utilizzare la carta di credito all»estero comporta maggiori costi, specialmente quando si viaggia al di fuori dell’Unione Europea. E in caso di prelievo di denaro allo sportello, i costi saranno sensibilmente più alti, basti pensare che per prelevare 100 Euro si potrebbe arrivare a pagare anche il 10% di commissioni!

4. Attenersi al budget

L’ultimo viaggio é costato molto più di quanto ti saresti immaginato? Ci siamo passati tutti... ! E anche se sarebbe fantastico avere un budget illimitato, spesso non é cosí. Tenere traccia delle spese é un ottimo modo per sapere quanto ancora rimane da spendere e come correre ai ripari in tempi utili. Inoltre, é utile munirsi di una soluzione per inviare/ricevere denaro e dividere le spese con i compagni di viaggio - come le funzioni offerte da Revolut - in modo da poter pagare per il gruppo e ricevere il denaro indietro in pochi secondi.

5. L’assicurazione di viaggio

La sicurezza é importante ed é sempre consigliabile avere un’assicurazione di viaggio per stare tranquilli. Le assicurazioni proposte da compagnie aeree e tour operator spesso offrono coperture e massimali limitati e a prezzi poco vantaggiosi. Revolut offre un’opzione economica e semplice da attivare: un'assicurazione medica internazionale Pay-per-Day che utilizza la geolocalizzazione per addebitare il premio solo nei giorni in cui l’utente si trova effettivamente all'estero, a partire da 1 Euro al giorno.

(Revolut)

6. Mangiare in modo saggio, ma bene!

I pasti rappresentano una spesa significativa quando si viaggia. Fare attenzione a questo aspetto può quindi essere molto efficace sia in termini di spesa sia di qualitá. La colazione, ad esempio, é solitamente più costosa in hotel, soprattutto per quelle persone per cui un caffé e un croissant sono abbastanza. Per spendere di meno é possibile fare colazione in un bar vicino all’hotel o, se si vuole risparmiare ulteriormente e allo stesso tempo godersi per colazione esattamente ciò che ci piace, si può valutare di acquistare biscotti, succhi di frutta e altri prodotti nel supermercato più vicino.

Per il pranzo e la cena, invece, la migliore strategia é chiedere consigli agli abitanti del posto e cercare online eventuali recensioni. É anche bene ricordare che i ristoranti situati nelle vie e nelle zone più turistiche sono spesso i più costosi. Infine, mai aspettare troppo tempo per mangiare, perché quando si é affamati si rischia di andare nel posto più vicino (e forse costoso!).

7. Non pianificare troppo prima di partire

A meno che non si tratti di un’escursione che rischia di registrare il tutto esaurito già nelle settimane precedenti, per risparmiare é consigliabile prenotare le gite giornaliere direttamente sul posto e non da casa. Una volta arrivati a destinazione, e con le idee chiare su cosa si vuole fare e vedere, é una buona tattica riservarsi un po’ di tempo per esplorare il luogo e chiedere preventivi ai tour operator locali in modo da trovare la miglior offerta per rapporto qualità/prezzo. Alcuni di loro potrebbero offrire sconti molto interessanti, soprattutto nel caso di quotazioni per due o tre giornate consecutive.