15 ottobre 2019
Aggiornato 05:30
app

La soluzione a Uber: DriverHub

Uno strumento ideale per connettere driver e utenti, attraverso un’app intuitiva

La soluzione a Uber: DriverHub
La soluzione a Uber: DriverHub Shutterstock

ROMA - Sulla scia delle innovazioni digitali, le tensioni nel mondo del trasporto privato sono sempre più frequenti. A Malpensa si sfiora la rissa tra gli NCC (noleggio con conducente) e i guidatori cinesi senza licenza, Striscia la Notizia e Le Iene raccontano di un mondo sommerso fatto di centinaia di autisti cinesi abusivi, accomunati dall’utilizzo dell’app Risciò.

I problemi e le baruffe si estendono intanto ad altre città italiane, dopo i fatti di Milano: Firenze (vero centro nevralgico dell’abusivismo) e Roma gli altri focolai. Gli NCC chiedono il rispetto delle regole, gli abusivi fanno appello ad una normativa italiana certamente migliorabile, ma nel frattempo si diffondono a macchia d’olio i casi di concorrenza sleale.

Ma il mondo della tecnologia, laddove crea nuove fattispecie, è anche capace di risolvere - potenzialmente - le problematiche. In quest'ottica DriverHub vuole porre un freno alla situazione e fornire uno strumento di tutela: si tratta di un’app rivoluzionaria, nata a Firenze per l’intuizione di 3 fratelli poco più che ventenni (Costanza, Lorenzo e Francesco), con un padre albergatore la cui struttura, situata fuori città, nella bella e dolce campagna toscana, non era raggiunta dai taxi. Padre in difficoltà anche con gli NCC (noleggi con conducente): complicato infatti trovarli disponibili all’occorrenza, ancora più difficile selezionare un driver che sappia parlare una certa lingua straniera, etc.

Il risultato è stato DriverHub, un vero strumento di lavoro per un comparto, quello turistico, molto importante per la nostra economia e che ha come mission il contatto diretto tra l’utilizzatore e il driver. La logica è quella del marketplace. Un punto di incontro virtuale in grado di risolvere i problemi di chi offre il servizio NCC e di chi ne ha bisogno.

In questo contesto DriverHub si pone come strumento ideale per connettere driver e utenti, attraverso un’app intuitiva (con pochi click si perfeziona la richiesta), semplice (solo 4 passaggi e hai prenotato). Ma soprattutto professionale (solo driver con licenza e patente professionale sono ammessi su DriverHub) e sicura (il cliente conosce il driver sa chi è e dove sta: il driver ci mette letteralmente la faccia).

DriverHub è inoltre «marketing oriented»(ogni driver stabilisce il proprio prezzo, il driver può stimolare gli utilizzatori a farsi mettere tra i preferiti, il driver può invitare i clienti a scaricare l’app con la funzione «invita amici»), affidabile (il cliente sceglie il driver migliore a parità di servizio) e social (i clienti condividono le recensioni e le valutazioni sui profili dei Driver).