19 novembre 2019
Aggiornato 14:30
internet

Cos'è Marea, il cavo sottomarino che collega USA e Spagna (con la fibra ottica più potente di sempre)

Marea si trova a oltre 11mila piedi (3 chilometri) sotto la superficie dell’Oceano Atlantico ed è lungo circa 4mila miglia (6400 chilometri). Marea può trasmettere a 160 terabit/secondo

BILBAO - La notizia dell’accordo per «Marea» risale a un anno fa, quando i principali media, avevano riportato l’accordo tra Microsoft e Facebook per un costruire un enorme cavo sottomarino che avrebbe attraversato l’Atlantico, connettendo Virginia Beach alla fredda e umida Bilbao, in Spagna. Ora, il cavo, così come ha annunciato Microsoft, è completo.

Cos’è Marea
Marea si trova a oltre 11mila piedi (3 chilometri) sotto la superficie dell’Oceano Atlantico ed è lungo circa 4mila miglia (6400 chilometri). Un progetto sbalorditivo che quasi sfugge alla mente dei più. La velocità di trasmissione dei dati (che diciamo, è quello che ci interessa veramente tutti) è ugualmente sbalorditiva: Marea può trasmettere a 160 terabit/secondo. Per farci un’idea, l’equivalente di 71 milioni di video HD in streaming e 16 milioni di volte più veloce di una connessione internet domestica media. Un vero monumento della velocità se pensiamo che è stato terminato in meno di due anni (e sarà operativo a partire dal 2018). In più pesa quasi 10,25 milioni di libbre - ben 34 balene azzurre.

Un design aperto
Ciò che è davvero interessante di Marea, è che ha un design aperto. Questo significa che Microsoft e Facebook stanno cercando di rendere il cavo il più sicuro possibile per il futuro. E a prova di cambiamento. Questo significa che il cavo è capace di evolversi mano a mano che la tecnologia cambia e vi è maggiore richiesta di ottenere più dati e a velocità più elevate. Grazie alla sua flessibilità, sarà più facile aggiornare il cavo e le sue apparecchiature per renderlo compatibile con le nuove tecnologie.

Cos'è Marea, il cavo sottomarino che collega USA e Spagna
Cos'è Marea, il cavo sottomarino che collega USA e Spagna (foto d'archivio)

Sempre più cavi sottomarini
Per la maggior parte del percorso, il cavo - costituito da otto coppie di cavi in fibra ottica racchiusi in rame - giace sul fondo dell' oceano. Alcune parti sono sepolte per proteggerle dal traffico marittimo, di solito in zone più vicine alla riva. Marea, però, arriva in un momento critico. Non è, infatti, l’unico cavo sottomarino per la trasmissione di dati. I cavi sottomarini nell’Atlantico contengono già il 55% in più di dati rispetto alle rotte trans-pacifiche e il 40% in più di dati tra gli Stati Uniti e l'America Latina. E si prevede che la domanda di flussi di dati attraverso l'Atlantico continuerà ad aumentare. Il cavo Marea offre anche un percorso verso gli hub di rete in Africa, Medio Oriente e Asia, da dove si prevede il prossimo grande afflusso di rete, con oltre un miliardo di utenti.

A cosa servirà
Le imprese del settore tecnologico si stanno spostando sempre più nello spazio delle infrastrutture, finanziando esse stesse nuovi cavi, piuttosto che unirsi a consorzi di telecomunicazioni che già gestiscono cavi sottomarini. Google ha anche investito in due cavi che vanno dagli Stati Uniti al Giappone, al Sudamerica e ad altri paesi asiatici. Con il cavo Marea, l'investimento di Facebook e Microsoft permette loro di avere un maggiore controllo sulle grandi quantità di dati di cui hanno bisogno per muoversi rapidamente in tutto il mondo. Entrambe le aziende beneficeranno dei miglioramenti nei servizi cloud per prodotti come Office 365 di Microsoft, Azure e Xbox Live, Facebook, Instagram e Whatsapp di Facebook.