15 novembre 2018
Aggiornato 01:00

Amazon ha sviluppato un fashion designer virtuale (con l'intelligenza artificiale)

Amazon sembra volersi lanciare anche nel settore dell'alta moda. I suoi ricercatori stanno lavorando su machine learning e intelligenza artficiale
Amazon ha sviluppato un fashion designer virtuale (con l'intelligenza artificiale)
Amazon ha sviluppato un fashion designer virtuale (con l'intelligenza artificiale) (Shutterstock.com)

SEATTLE - Quando pensiamo ad Amazon e ai recenti investimenti di Jeff Bezos, tra Whole Food e vertical farming, l’alta moda ci pare quanto mai lontana dai suoi interessi. L’azienda, tuttavia potrebbe essere pronta a invadere anche questo settore, acquisendo una posizione di leadership, quando si tratta di sostituire stilisti e designer con algoritmi di intelligenza artificiale sempre più sofisticati e, diciamolo, chic.

Moda e intelligenza artificiale
Gli sviluppatori e i ricercatori di commercio elettronico stanno attualmente lavorando su diversi sistemi di machine learning che potrebbero contribuire a fornire un vantaggio quando si tratta di individuare e modellare le ultime tendenze della moda. Questi sviluppi potrebbero quindi portare molte aziende, Amazon in testa, a monitorare e prevedere le tendenze sulla base, ad esempio, delle reazioni che emergono dalla pubblicazione dei post sui social network.

Le reazioni degli utenti
Sono molti i retailers che stanno già utilizzando reti sociali come Instagram e Pinterest per tenere traccia delle ultime tendenze della moda, monitorando la reazione degli utenti ad esse. Amazon, nel frattempo, sta facendo movimenti per rafforzare la sua attività nel settore dell’abbigliamento, sviluppando i propri marchi, investendo in una fotografia di alta qualità per i prodotti e lanciando Prime Wardrobe, che consente ai clienti di provare vestiti prima di acquistarli. La sua applicazione Echo Look consente poi di ricevere risposte sugli abiti che si indossano.

La videocamera di Amazon
Echo Look, è una videocamera, piccola, maneggevole, costantemente collegata ad Alexa, l’assistente virtuale per la casa di Amazon. Lavora per noi come una vera personal shopper. Le posiamo dire di tutto, di scattarci un selfie, di registrare un video a 360 gradi da vedere in diretta sul nostro smartphone. Ma Echo Look è capace anche di dare consigli. E’ sufficiente che le chiediamo di scattare due selfie ognuno con un outfit differente: Alexa ci dirà qual è quello che si addice di più, confrontando i trend online del momento e consigliandoci, peraltro, se è il caso di aggiungere qualcosa.

I lavori del team di Amazon
Ma a Jeff Bezos non sembra essere sufficiente. Un gruppo di ricercatori di Amazon, con sede in Israele, ha sviluppato un'applicazione che, analizzando solo alcune etichette allegate alle immagini, può dedurre se uno stile particolare pouò essere considerato elegante. Il software potrebbe forse fornire feedback di moda o raccomandazioni per essere sempre sicuri di avere l’abbigliamento adatto. Il lavoro è innovativo perché i computer di solito richiedono una notevole etichettatura per imparare dalle informazioni visive. Ma in molte situazioni del mondo reale, come un'immagine pubblicata su Instagram, potrebbe esserci una sola etichetta. Un team di Amazon a Lab126, un centro di ricerca a San Francisco, ha sviluppato un algoritmo che impara circa un particolare stile di moda dalle immagini e può quindi generare nuovi oggetti in stili simili, dal principio, un vero e proprio stilista virtuale.

Quanto tempo?
Oltre Amazon ci sono molte nuove startup che stanno sviluppando algoritmi atti a migliorare l’esperienza del consumatore anche in questo settore. Di fatto dovrà passare ancora molto tempo prima che una macchina possa inventare una linea di alta moda. Vero, ma quando c’è Jeff Bezos di mezzo non c’è mai da stare sicuri.