30 marzo 2020
Aggiornato 12:34
Video advertising

Dreamset: «Così abbiamo fondato la nostra azienda sull'emozione»

Dreamset è nata nel 2013 grazie alla passione per il cinema e per la macchina da presa di Fabrizio Cecioni, Alessandro Poliseno, Alessio Galdiolo.

TORINO - «Io sono la mia opportunità». E’ il titolo di uno dei video di realizzati da Dreamset e anche un po’ il mantra sul quale hanno fondato la loro azienda, agenzia che fa video advertising. Adesso hanno uno studio in strada del Drosso, a Torino, un ufficio in cui Fabrizio Cecioni, co-founder e head of production mi accoglie per raccontarmi la loro storia. «E pensare che io, Alessandro e Alessio abbiamo cominciato con un appartamento che utilizzavamo per lavorare e dove accoglievamo i nostri clienti», mi racconta. Perchè all’inizio si sa, devi tirare un po’ la cinghia se vuoi fare qualcosa di grande.

Quando la creatività fa la differenza
Dreamset è nata nel 2013 grazie alla passione per il cinema e per la macchina da presa di Fabrizio Cecioni, Alessandro Poliseno, Alessio Galdiolo. Ora il team si è allargato, segno che le cose stanno andando bene. «Inizialmente lavoravamo per piccole realtà ed eventi per i quali realizzavamo video. Abbiamo capito subito che potevamo fare la differenza perchè puntavamo tutto sulla creatività e, soprattutto, sull’emozione. Non c’era nessun’azienda che faceva video in questo modo, cercando di ispirare, emozionare e innovare». La qualità dei lavori di Fabrizio e i suoi non passa inosservata tanto che le richieste continuano ad aumentare.

La collaborazione con Scuola Zoo
Sarà la collaborazione con ScuolaZoo e ZooCom a spingerli direttamente verso il successo, e nelle ‘mani’ di alcuni brand anche molto famosi. «Ci siamo concentrati su prodotti e campagne video per i social network, Facebook in particolare - mi racconta Fabrizio -. Siamo stati tra i primi e non è stato neppure così tanto facile far capire che la pubblicità delle aziende, oggi, deve passare attraverso il video. Di fatto solo negli ultimi mesi le aziende stanno investendo parte dei loro budget in video advertising». Già, perché anche se abbiamo un gap digitale e tecnologico piuttosto consistente, non dobbiamo dimenticare che siamo il popolo più social a livello europeo: trascorriamo, infatti, molto più tempo dei nostri vicini di casa sui social network dove si concentra la maggior parte delle nostre attività e diventa quindi il luogo in cui possiamo essere assoggettati a più stimoli, compresi quelli pubblicitari.

Storytelling e passione
A settembre 2016 dopo un lungo corteggiamento arriva il finanziamento di 50mila euro da parte di OneDay Group, business factory che investe in realtà innovative ad alto potenziale, casa di importanti realtà native digitali come ScuolaZoo, SGTour e ZooCom. «E’ stato un bel traguardo sicuramente, ma non abbiamo intenzione di fermarci qui. Abbiamo fatto tanto per Dreamset e vogliamo essere riconosciuti a livello italiano e piano piano spostarci anche all’estero interagendo direttamente con i brand con i quali instauriamo sempre un rapporto di fiducia e ce ne prendiamo cura nel tempo», mi dice Fabrizio. L’asso nella manica del team è lo storytelling, l’amore per l’emozione e per la storia attraverso cui passa la comunicazione più stretta, più veritiera. Quella che tocca la coscienza, gli istinti e fa riflettere. Ed è il modo migliore per far arrivare un messaggio. Proprio oggi, in questo mondo bombardato di informazioni.

Tu sei la tua opportunità
Tante le campagne di successo create da Dreamset, da brand come Red Bull, Martini, QCTerme, Asus e tanti altri. E poi due viaggi, temerari e coraggiosi alla scoperta dei talenti e delle startup europee e americane. Due viaggi compiuti nelle capitali europee dell’innovazione e in Silicon Valley, scaturiti in due documentari davvero affascinanti e che mostrano quanto l’impegno, la tenacia e la perseveranza siano fondamentali per la riuscita di un progetto. Anche si si è partiti da un garante, un appartamento o dalla stanzetta di casa propria. Ispirare, emozionare, innovare. E tu sei la tua opportunità.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal