23 gennaio 2020
Aggiornato 03:30
lavoro

Ikea regala ai dipendenti 899 euro per Natale

Il bonus fa parte del programma di fidelizzazione aziendale attraverso cui l'azienda mira al miglior stato di benessere dei propri dipendenti. Con il programma Track! sono già stati stanziati in 3 anni 413 milioni di euro

ROMA - Un regalo di Natale con i fiocchi per i dipendenti di Ikea che troveranno sotto l’albero un bonus pensionistico che qui in Italia corrisponderà alla bellezza di 899 euro. Un premio per quelle sedi del colosso svedese che hanno raggiunto gli obiettivi e che fa parte del programma di fidelizzazione aziendale. Già, perché anche l’Italia è riuscita a raggiungere il tetto prefissato e per questo beneficerà dei 108 milioni di euro che il Gruppo verserà come contributo extra alla pensione dei propri dipendenti.

Ikea regala un bonus ai dipendenti per Natale
A ricevere l’intera quota di 899 euro i dipendenti con un contratto full-time che lavorano per Ikea da almeno da 5 anni, indipendentemente dalla posizione o dal livello di inquadramento. Per i part-time, invece, la somma verrà riproporzionata sulla base delle ore contrattuali. «Vogliamo ringraziare i collaboratori per la loro lealtà e il loro contributo al successo di IKEA - ha detto Belén Frau, Country Retail Manager di IKEA Italia -. Lo facciamo attraverso il programma Tack! e sono lieta di annunciare che il versamento di quest’anno permetterà ai co-worker del Gruppo IKEA in Italia di ricevere un contributo di 899 euro a testa per la propria pensione».

Il programma Track!
Dall’introduzione del programma Tack!, tre anni fa, sono stati stanziati 413 milioni di euro. L’ammontare totale del finanziamento viene suddiviso tra i paesi del Gruppo IKEA secondo la percentuale rappresentata da ognuno sulle retribuzioni complessive. Il finanziamento viene varato solo se vengono raggiunti gli obiettivi del Gruppo IKEA. Un bell’incentivo, per i dipendenti, a lavorare bene e nell’interesse non solo dell’azienda, ma anche proprio.

Il caso di Google
Del resto Ikea non è l’unica azienda che attua programmi di fidelizzazione aziendale. Per il quarto anno consecutivo, infatti, Google compare al primo posto della classifica delle multinazionali in cui si lavora meglio e questo è dovuto anche all’attenzione che la stessa azienda ripone nei confronti dei propri dipendenti. Questi, tra vacanze e gite organizzate dal Gruppo, hanno la possibilità di comunicare con il Ceo di Alphabet Larry Page e il presidente Sergey Brin attraverso degli incontri organizzati dove si interagisce e si pongono dei requisiti. Possono cambiare team, progetto e dipartimento con estrema facilità: inoltre, cosa molto importante, non vengono ostacolati quando trascorrono il tempo a lavorare su altri progetti di loro interesse, oltre a quelli quotidiani del team. Google si fa carico del trasporto dei dipendenti di Mountain View, offrendo un servizio di bus navetta gratuito tutti i giorni. I mezzi sono dotati di connessione Wi-fi, in modo che i dipendenti possano rilassarsi o lavorare durante gli spostamenti.