19 luglio 2019
Aggiornato 02:00
innovation school

Come diventare un User Experience Designer

Le posizioni aperte si stimano intorno alle 150mila solo in Italia e sono destinate a crescere nei prossimi anni. Ecco chi è il UX Designer e come fare per diventarlo

MILANO - L’innovazione non è solo creare nuovi prototipi e nuove soluzioni per il domani affinché queste soddisfino un reale bisogno dell’utenza. Innovare è, prima di tutto, costruire un tessuto dei professionisti digitali che sappiano approcciarsi al cambiamento dell’economia e del mercato, venendo incontro a quelle che sono le richieste maggiori. E’ questo uno dei principali gap di oggi: da una parte un tasso di disoccupazione elevato per figure professionali destinate a morire (o modificarsi) nel breve-medio periodo; dall’altra aziende che cercano professionisti che di fatto mancano. In un mercato del lavoro in continua evoluzione, una delle figure professionali più richieste è proprio quella dell’UX Designer: stiamo parlando di 150mila posizioni aperte nell’ultimo anno con una richiesta destinata ad aumentare - negli USA - del 30% da qui al 2020. Il vero limite, tuttavia, è la mancanza di una formazione adeguata.

Le aziende cercano UX Designer
Il mercato dei servizi, dei prodotti e delle aziende cambia, è in continua evoluzione: sono le persone, con i loro gusti e interessi a determinare sempre più il processo di creazione e messa in vendita di un bene. Oltre alla qualità del prodotto o del servizio offerto, ciò che fa la differenza è l’esperienza d’interazione. Di fatto siamo circondati e dominati dall’era della User Experience, ovvero tutte quelle percezioni ed emozioni che ci spingono a scegliere un prodotto piuttosto che un altro, proprio perché lo riconosciamo come nostro, come fosse stato creato ad hoc per noi. Sono questi i cardini su cui le grandi aziende stanno puntando per innovare il proprio  modello di business. Ed è in questo contesto che si inserisce il Design della User Experience, ovvero quella disciplina che studia l’esperienza degli utenti a partire dalle loro culture, attitudini e dalla realtà in cui questi vivono, al fine di fornire i migliori presupposti per un’esperienza positiva.

Cosa fa un UX Designer
Ed è per questo motivo che le aziende sono sempre più alla ricerca degli UX Designers, ovvero quei professionisti in grado di interpretare le informazioni relative al comportamento degli utenti e contesto, leggere i fenomeni e i trend, combinandoli con gli obiettivi aziendali, per generare esperienze che soddisfino e superino le aspettative degli utenti. Secondo uno studio condotto dal Design Management Institute, Apple, Coca Cola, IBM, Nike, Starbucks, Pinterest e Airbnb hanno fatto della User Experience il cavallo di battaglia del proprio successo e in generale le aziende che hanno applicato un approccio UX oriented hanno mantenuto un significativo vantaggio rispetto alle altre nel mercato. Di fatto il lavoro dell’UX Experience è scandito da tre momenti: l’osservazione, la progettazione e il disegno. Attraverso interviste, analisi statistiche, test di usabilità e di traffico sul sito raccoglie dati per studiare i bisogni degli utenti finali. Struttura, quindi, una strategia di engagement basata sull’analisi del pubblico da coinvolgere e sui canali da adottare, decidendo, infine, le modalità per misurare i risultati. Ultimo step, il più delicato, è la creazione grafica dell’interfaccia, pensata secondo le necessità degli utenti.

Come si diventa UX Designer
Professioni nuove per risolvere nuovi problemi. Del resto come dichiarato dallo stesso presidente di Confindustria Digitale Elio Catania, «molti lavori devono ancora essere inventati». E stiamo, peraltro, parlando di lavori piuttosto remunerativi. Secondo la prima guida italiana ai salari nell’ambito creative & tech, pubblicata da Crebs ed elaborata a partire da un sondaggio su circa 3000 professionisti, lo stipendio annuo di uno UX Designer senior va dai 29 mila ai 58 mila euro, mentre una figura junior guadagna fino a 23 mila euro l’anno. Ma come fare per diventare un UX Designer? Una delle strade offerte dalla panorama italiano è quello presentato dal TAG Innovation School, la scuola dell’innovazione nata da Talent Garden che ha lanciato la seconda edizione di UX Design Master, l’unico percorso formativo non convenzionale che forma UX Designer in 12 settimane di full immersion fra Milano e Barcellona. Al termine di UX Design Master, i partecipanti avranno l’opportunità di entrare nel mondo del lavoro grazie ad un contratto di stage in una delle aziende partner di TAG Innovation School, tra le migliori sul panorama italiano ed europeo in ambito digital. Alcune aziende che hanno deciso di investire negli UX Designer di domani, offrendo uno stage, sono Condé Nast, OilProject, Design Group Italia, LiveXtension, Digital Magics e altri. Preparatevi a sfoderare le vostre capacità comunicative.