29 novembre 2020
Aggiornato 11:00
innovare la sartoria italiana

Lanieri vince il Netcomm eCommerce Award 2016

Il primo ecommerce di abiti su misura maschili Made in Italy vende la sartorialità italiana in 40 Paesi. Si è aggiudicato il Netcomm eCommerce Award 2016 nella categoria “abbigliamento e accessori”

MILANO - L’Italia, si sa, è la capitale della moda e del buon gusto, di quelle tradizioni sartoriali che, complici le grandi distribuzioni, si è nata un po’ perdendo. Riportare la classe in vague utilizzando il digitale, la nuova era. E’ questo l’obiettivo di Lanieri.com, il primo ecommerce di abiti su misura maschili Made in Italy che si è aggiudicato il Netcomm eCommerce Award 2016 nella categoria «abbigliamento e accessori». Il premio, dedicato a tutti coloro che attraverso lo sviluppo di business innovativi online stanno scrivendo la storia dell’ecommerce in Italia, è stato vinto ex-aequo con Zalando e rappresenta un nuovo traguardo per l’azienda di Biella, che ha chiuso il 2015 con un +150% di fatturato e il primo trimestre 2016 con il +300% rispetto all’anno precedente.

La sartoria di una volta usando il digitale
Forte di una tecnologia e una produzione al 100% italiane, Lanieri utilizza solo le migliori lane sul mercato messe a disposizione da storici produttori di eccellenza quali Reda, Loro Piana, Ermenegildo Zegna, Vitale Barberis Canonico e molti altri. L’azienda si basa su un’impostazione marcatamente omnichannel, unica nel suo genere in Italia, che associa la possibilità di ordinare il proprio capo online su Lanieri.com a quella di toccare con mano tessuti ed effettuare l’ordine anche «offline» in atelier o temporary shop in città selezionate. Oggi è presente a Milano, Roma, Torino e a breve Bologna, Monaco di Baviera, Parigi ed altri centri che saranno annunciati nei prossimi mesi. Secondo i dati diffusi da McKinsey durante l’ultima edizione del Netcomm eCommerce Forum, il mercato della moda e del lusso mondiale crescono del 7% offline e del 27% online; se il 68% delle vendite in store è influenzato da un’esperienza positiva sul web, il caso di Lanieri dimostra che l’approccio omnichannel può generare una sinergia positiva anche in senso opposto, in grado di fidelizzare ulteriormente l’utente ecommerce.

Guarda il video dell'intervista

La gente visita l’atelier e compra online
Nel 2015 l’80% dei clienti che ha effettuato un acquisto offline in atelier è tornato a comprare online. Non solo: nell’ultimo anno la clientela Lanieri si è dimostrata molto fedele, con il 50% che porta a termine un secondo acquisto, soddisfatta del prodotto e incoraggiata dalla semplicità del processo d'ordine. «Siamo onorati di aver ottenuto il Netcomm eCommerce Award: il panorama ecommerce nel settore della moda è molto competitivo e popolato di veri e propri «giganti», ma Lanieri ha saputo presidiare una nicchia - il su-misura Made in Italy - che nessun altro player, neanche all’estero, è in grado di soddisfare con gli stessi livelli di qualità, prezzo e servizio al cliente. Il 2016 è un anno molto importante per noi: con un fatturato che ha già quasi raggiunto quello dello scorso anno, abbiamo iniziato un massiccio piano di espansione globale, che ci vedrà presenti nelle principali capitali d’Europa.», hanno commentato Simone Maggi e Riccardo Schiavotto, co-fondatori di Lanieri.